Provincia

Scrutatori nominati col sistema misto


MARTINA F. – Nominati i 208 scrutatori (178 + 30 supplenti) che il 6 e 7 maggio, e per l’eventuale ballottaggio il 20 e 21 maggio, gestiranno i seggi elettorali per il rinnovo del consiglio comunale. Un’affollata sala degli Uccelli a Palazzo Ducale ha ospitato ieri pomeriggio i tre componenti effettivi della commissione elettorale (Martino Gelsomino, Ernesto Lillo e Anania Chiarelli) convocata dal commissario prefettizio. A loro la scelta del metodo con cui nominare l’esercito degli scrutatori.

“Abbiamo confermato un sistema consolidato e che ha garantito il funzionamento dei seggi” fa sapere Anania Chiarelli. Il 40% degli scrutatori sono stati cioè nominati con il sorteggio, la restante parte (ripartita equamente) è stata nominata, invece, dai tre commissari con indicazione diretta. “Un sistema misto – spiega ancora Chiarelli – che ha consentito sempre di evitare che i seggi restino vuoti perchè gli scrutatori sorteggiati potrebbero rinunciare”. Il sorteggio, infatti, è stato eseguito tra i presenti a Palazzo Ducale. A loro è stato consegnato un foglietto di adesione da sorteggiare e su un centinaio sono stati indicati i 76 voluti dal caso. In 132, invece, sono stati nominati dai commissari (44 a testa). “Personalmente ho scelto molti giovani, universitari, che non lavorano” chiarisce Chiarelli cercando di spazzare via le polemiche che non sono mancate. Qualcuno ha ribadito che “sono sempre gli stessi ad essere nominati”, altri hanno contestato le modalità. “E’ normale che qualcuno sia rimasto male – sottolinea Chiarelli – perchè questa volta magari non è stato accontentato. Indubbiamente c’è qualche nome che si ripete, ma può capitare anche con il sorteggio. La mia scelta è senza dubbio libera perchè non sono candidato e non ho espresso preferenze per nessuna coalizione, quindi non ho interessi di voto”. La commissione elettorale si è svolta regolarmente anche se ieri, nella tarda mattinata il supplente Angioletto Gianfrate aveva inoltrato una richiesta di annullamento al commissario prefettizio “perchè la notifica di convocazione gli è stata lasciata nella cassetta postale e non consegnata a mano, come previsto”:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche