Provincia

Ecco il Patto delle Gravine. Venerdì la firma in Provincia

Il protocollo d’intesa ha visto l’adesione di sette Comuni, Gal, Lions Club, Enti di promozione territoriale, Pro Loco, Uffici turistici


Il “Patto delle Gravine” sarà ufficializzato con una conferenza stampa che si terrà,  domattina al Palazzo della Provincia.

Creato su input di Herity Italia e sviluppato dall’Associazione Aulon Res e dal Gal “Luoghi del Mito”, il protocollo d’intesa in 10 punti ha visto in pochi mesi un’ampia adesione da parte delle realtà territoriali: 7 Comuni, Gal, i Lions Club, Enti di promozione territoriale, Uffici Turistici, Pro Loco, società civile.

Partendo dalle conclusioni del workshop Patrimonio Identitario e Turismo: Settori Strategici per il Benessere delle Comunità nella Terra delle Gravine, svoltosi a Mottola a fine maggio, si è arrivati a riconoscere e sviluppare l’importanza di “fare rete” attorno ad una delle più significative peculiarità del tarantino: il paesaggio delle gravine. La presa di coscienza di un’identità culturale forte è il primo punto per iniziative congiunte di valorizzazione del Patrimonio Culturale locale, secondo il principio, che da sempre Herity porta avanti,  che ogni luogo di cultura gestito con qualità arricchisce gestori, turisti, cittadini e amministratori. Razionalizzare gli sforzi e condividere i risultati, soprattutto in un periodo di crisi economica, deve essere l’occasione per una rinascita della provincia di Taranto, troppo spesso oscurata dall’ombra dell’Ilva.Herity, che ha dato il proprio patrocinio all’evento, sarà rappresentata da Maurizio Quagliuolo (segretario Generale di Herity International) e Gaia Marnetto (coordinatrice di Herity Italia).

Nella conferenza stampa sarà presentato il contributo Patrimonio Culturale, Turismo e Sviluppo locale: la Certificazione Herity. Saranno presenti i firmatari del Patto coordinati dall’associazione Aulon Res, le autorità locali, i rappresentanti di associazioni di settore e organismi legati al turismo e alla valorizzazione del patrimonio culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche