18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Provincia

I lavoratori a Nardelli: “Stop nalla mobilità”


MARTINA F. – “Ferma subito le procedure di mobilità”. Questo il grido lanciato ieri dalla piazza a difesa del diritto del lavoro nel giorno della festa dei lavoratori. I 130 operai della Itn, industria tessile del gruppo Nardelli, sono scesi in strada per protestare contro la scelta dell’imprenditore di avviare quella che è definita l’anticamera del licenziamento. “Un atteggiamento scorretto – commenta Giuseppe Massafra della Filctem Cgil – perchè Nardelli non solo finora non ha mai presenziato ai numerosi incontri tenutisi in Regione, ma ha avviato le procedure di mobilità per tutti gli operai dell’industria tessile (40 sono impiegati amministrativi) prima del tavolo convocato per i prossimi giorni”.

L’Itn nata a Martina una quindicina di anni fa – “i cui capannoni sono stati finanziati con fondi pubblici” tiene a precisare il sindacalista – da un anno è nell’occhio del ciclone. Poco prima di Pasqua le lavoratrici incrociarono le braccia all’annucio della volontà di stoppare la produzione. Hanno ottenuto la cassa integrazione fino al 30 luglio. Ora attendono risposte certe sul futuro. “Nardelli – denuncia Massafra – ha fatto sapere che intende bloccare la produzione, mantenendo in piedi l’attività commerciale senza però farci capire come intende farlo. Noi abbiamo persino proposto la forma cooperativa per continuare a garantire il lavoro ai 130 operai. Ma anche su questo Nardelli non si è mai espresso. Adesso punta alla mobilità. Ma noi non ci arrendiamo e porteremo in tutte le sedi opportune la vertenza”. Una piazza gremita quella di ieri, 1 maggio, che avrebbe dovuto festeggiare i lavoratori. Ma l’attenzione è stata catalizzata verso il dramma dei cassintegrati Itn. Per loro sono intervenuti alcuni candidati a sindaco ed i consiglieri regionali Gianfranco Chiarelli e Francesco Laddomada. “Ci sono ragioni per le quali la politica non deve avere ragioni differenti di partito – commenta il candidato del centrodestra Michele Marraffa – Spero che l’azienda torni sui propri passi e riapra il tavolo regionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche