16 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Settembre 2021 alle 14:21:46

Provincia di Taranto

Boeing scommette ancora su Alenia. Sodalizio vincente


GROTTAGLIE – In tanti stamattina hanno potuto ammirare il nuovo gioiello della Boeing. Il 787 Dreamliner è atterrato ieri pomeriggio all’aeroporto Arlotta e stamattina rappresentanti istituzionali, i famigliari degli operai di Alenia Aermacchi e i giornalisti hanno avuto la possibilità di salire a bordo del velivolo che ha raggiunto non a caso Grottaglie quale unica tappa pugliese del Dream Tour. Presso lo stabilimento Alenia tra Grottaglie e Monteiasi si producono infatti le sezioni centrali e centro-posteriore della fusoliera del 787 Dreamliner.

Prima la visita nello stabilimento, poi tutti a bordo dell’ultimo nato tra gli aerei passeggeri della Boeing atterrato per la prima volta in Italia. “L’arrivo del 787 Dreamliner presso il nostro sito è motivo di grande soddisfazione per Alenia Aermacchi e per tutti quei lavoratori che sono quotidianamente impegnati in un programma in cui sin dall’inizio abbiamo fortemente creduto e che oggi rappreenta uno dei fiori all’occhiello dell’aeronautica civile” ha commentato Giuseppe Giordo, amministratore delegato della società del gruppo Finmeccanica sottolineando che la produzione italiana per il 787 è, e rimarrà, frutto dell’integrazione delle competenze e delle attività dei diversi poli di eccellenza italiani di Alenia Aermacchi. “E’ un onore aver portato il 787 Dreamliner in Italia” ha aggiunto George Maffeo, vice presidente della divisione velivoli commerciali Boeing. “Siamo orgogliosi di poter condividere questo meraviglioso velivolo con l’Italia e di riconoscere l’impegno e la dedizione che Alenia Aermacchi ed i propri dipendenti hanno dimostrato come uno dei nostri partner strategici”. Entusiasmo e curiosità tra quanti hanno potuto partecipare a quello che è considerato l’evento della stagione. L’Italia è il secondo maggiore fornitore industriale europeo della Boeing ed aver ospitato oggi, a Taranto, quello che la stessa società americana considera un gioiello è certamente motivo di orgoglio per una città spesso bistrattata e lasciata ai margini dello sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche