16 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Settembre 2021 alle 07:10:41

Provincia di Taranto

A Martina si torna alle urne il 20


MARTINA F. – La sfida continua tra Franco Ancona e Michele Marraffa. Si va al ballottaggio nella città della valle d’Itria dove resta alta la tensione elettorale. Al primo turno Franco Ancona della coalizione di centrosinistra non raggiunge il quorum per essere eletto. Si ferma a 12.041 voti con il 40,97%, seguito da Michele Marraffa di centrodestra che ottiene 7.600 voti con il 25,86%. Il Terzo Polo con Michele Muschio Schiavone conquista 4.856 voti con il 16,52%. Si fermano al 5% gli altri tre candidati. Raffaella Spina per “Cambiamo Martina” ottine il 5,76%; Leo Cassano della Destra il 5,68% e Franco Mariella di Io Sud-PdCi il 5,18%.

Hanno votato in 30.959 con un calo di affluenza del 5% rispetto alle amministrative del 2007. Un calo che, in verità si è registrata ovunque segno evidente di una disaffezione diffusa alla politica. Ora si guarda a 20 maggio quando gli elettori saranno richiamati alle urne, questa volta per scegliere solo il candidato sindaco. La coalizione di Ancona porta a casa il 37,49 % così ripartita: iol 22,87% al Pd, il 6,24% all’Idv, il 4,07%, il 3,53% al movimento La Puglia per Vendola e lo 0,77% ai Comunisti italiani. Significativo anche il dato emerso dallo spoglio dei voti alla coalizione di centrodestra che raggiunge il 32,44%. Al Pdl va il 20,43%, alla Puglia prima di Tutto il 5,50 ed alla lista civica Idea Lista il 6,5%. Un risultato che porta anche il candidato sindaco Michele Marraffa alla riflessione: “Quello conseguito al primo turno è un risultato eccellente perchè le nostre liste hanno ottenuto un buon esito con quasi 1.900 voti. Il centrosinistr, invece, ha perso rispetto al 2007 passando dal 49% al 37%”. Ora sullo sfondo c’è il ballottaggio. Per il centrodestra sia il sen. Lino Nessa che lo stesso Marraffa escludono apparentamenti. “Altrimenti – dichiara il candidato sindaco – avremmo preso in giro la città”. Sulla stessa linea pare essere il centrosinistra che aveva firmato il patto contro l’Udc e che difficilmente concluderebbe accordi con le altre liste civiche. M.D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche