Provincia

In giunta anche i comunisti?


MARTINA F. – Solo 213 i voti conseguiti dalla lista di Rifondazione Comunista-Comunisti Italiani. E’ il partito che ha ottenuto il peggior risultato nell’ambito della coalizione che sostiene Franco Ancona in gara per il ballottaggio con il 40,97% dei voti al primo turno. Un risultato che, però, non sembra scoraggiare i comunisti. “Rispetto al 2007 – dice il segretario Francesco Massafra – l’esito è migliore perché l’altra volta andammo da soli ed i 200 voti ottenuti non servirono a niente. Oggi, invece, quei 213 voti sono servivi a far raggiungere il 40% al candidato sindaco”.

Un risultato, comunque, scarso rispetto al resto della coalizione. “Certo è irrisorio” ammetta Massafra “ma noi non ci arrendiamo. Non ci sentiamo fanalino di coda, anzi siamo abbastanza agguerriti e convinti che vinceremo al ballottaggio. Il problema è che non c’è molta militanza come lo era una volta nel PC. Non ci fermiamo a quei 200 voti”. No, perchè l’ambizione è quella di riuscire a strappare un posto in giunta in caso di vittoria di Ancona. “Non abbiamo chiesto il conto a nessuno – commenta il segretario – se hanno bisogno di noi siamo ben disposti, altrimenti faremo la nostra parte dall’esterno del consiglio comunale. La nostra sezione è attiva tutto l’anno”. Con lo 0,77% di preferenze la Federazione della Sinistra è, infatti, fuori dai seggi. Da qui la speranza di riuscire a conquistare un assessorato. “Se vinceremo – insiste Massafra – penso che Ancona terrà conto del nostro apporto. Sì, penso che saremo parte della giunta”. La partita, insomma, è ancora tutta da giocare. Domenica e lunedì si torna alle urne e all’interno delle caolizioni si lavora alacremente per far conquistare ai rispettivi candidati sindaco lo scranno di Palazzo Ducale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche