Provincia

Alenia e precari, ecco tutti i numeri della crisi

Indotto in rivolta, mercoledì sciopero. I sindacati preoccupati per la situazione dentro lo stabilimento


GROTTAGLIE – “Il 19 febbraio, presso la sede dell’agenzia per il lavoro Quanta di Brindisi che fornisce lavoratori in somministrazione per Alenia Aermacchi di Foggia e Grottaglie, si è svolto un incontro tra le categorie firmatarie del ccnl di somministrazione di Taranto Nidil Cgil, Felsa Cisl, Uil.tem.p Uil e i rappresentanti nazionali e territoriali dell’agenzia”.

Sono proprio i sindacati a fare il punto su questa vertenza. “Un incontro che ha avuto una duplice finalità ; fare chiarezza sul numero dei somministrati impiegati nel sito di Alenia di Grottaglie e iniziare un percorso di rappresentanza e tutela per quei lavoratori che sono la parte più fragile di un sistema produttivo frastagliato in una miriade di contratti lavorativi differenti.

Di Alenia Aermacchi di Grottaglie si è detto e si racconta tanto, soprattutto alla luce di tutto quello che accade in queste ultime ore, ma sui numeri ci sono state imprecisioni.
Cerchiamo di fare chiarezza. Al momento i somministrati in forza nello stabilimento di Grottaglie sono 282 di cui: 194 operai laminatori e strutturisti, 41 operai trasferiti dallo stabilimento di Foggia a quello di Grottaglie, 47 impiegati.

Questi i numeri forniti dall’agenzia Quanta, ma a questi numeri già così importanti, si deve aggiungere una quota che non ci è stata fornita, di somministrati di nazionalità rumena assunti dall’agenzia quanta rumena e presenti in forza nello stabilimento di Grottaglie per effetto del “distacco transnazionale”.

Su questo distacco transnazionale, come parti sociali, abbiamo qualche perplessità perché vorremmo capire l’ applicazione di tale distacco rispetto al salario e al sistema previdenziale applicato ai lavoratori Le polemiche animate nei giorni scorsi sui giornali dello scontro tra precari rumeni ed italiani, ha portato come effetto l’attuazione  di un progetto cambio mix, cioè la sostituzione graduale quindi ancora non avvenuta del tutto, di lavoratori somministrati rumeni con italiani, per volontà dell’Alenia Aermacchi. Le categorie provinciali Nidil Cgil, Felsa  Cisl e Uil.tem.p uil, prendono le distanze da posizioni di discriminazione razziale, ma partiamo dal presupposto che quello che vogliono  fare è verificare che venga rispettato il ccnl di somministrazione e quindi garantiti tutele e diritti per tutti lavoratori interessati, lavoreremo nella direzione della rappresentanza sindacale dei somministrati e lavoreremo accanto alle categorie dei metalmeccanici affinché si raggiungano garanzie occupazionali. Sono in programma assemblee in azienda per i lavoratori in somministrazione, volantinaggio dinanzi alla portineria e servizi di assistenza nelle sedi confederali per questi lavoratori”.

“Invitiamo tutti i lavoratori a partecipare all’assemblea in sciopero per il giorno 25 febbraio presso la portineria generale Alenia. Per il nostro futuro e per la dignità dei lavoratori dell’indotto” è quanto scrive invece in una nota la rsu Fismic Confsal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche