Provincia

Palagiano, “Basta con la strada della morte”

Il sindaco Antonio Tarasco dopo l’ennesimo incidente minaccia di chiudere un tratto della statale 7 e di denunciare l’Anas


PALAGIANO – “Da molti anni  l’amministrazione comunale segnala la pericolosità del tratto della statale 7  nella parte che attraversa la periferia  di Palagiano.

L’ultima segnalazione  non più tardi di 12 giorni fa . Ebbene si è verificato l’ennesimo incidente mortale”. Così il sindaco Antonio Tarasco in una lettera inviata ad Anas, al presidente della Regione,  Vendola e al presidente della Provincia, Tamburrano.

“Nel farmi interprete del pensiero di tutti i miei concittadini e nel mente ci associamo al dolore che ha colpito la famiglia di Antonio Dipierro, non posso esimermi dal gridare il mio basta allo stato di abbandono da parte dell’Anas i quel tratto di strada che ha v visto spegnersi, negli anni, le vite di tante persone – sottolinea  Tarasco- la loro morte, la morte di Antonio, non  può e no deve, passare ancora una volta come un semplice incidente. Quelle morti potevano e  dovevano essere evitate attraverso l’impegno di tutti e soprattutto attraverso l’impegno di coloro che sono i responsabili della sicurezza delle strade statali. L’Anas non ha più alibi e giustificazioni- prosegue il sindaco- i lavori di ammodernamento e di messa in sicurezza devono essere immediatamente cantierizzati. Palagiano i suoi cittadini, tutti coloro che  fruiscono di quella “Strada della morte” hanno il diritto di chiedere e ottenere con immediatezza certe risposte. E questa volta le risposte non possono essere semplici impegni provvedere, il nascondersi dietro le difficoltà di bilancio. Ora immediatamente l’Anas si attivi senza indugio e a rendere percorribile la statale 7”.

Il primo cittadino di Palagiano minaccia di chiudere al traffico la statale 7 e di denunciare l’Anas per omicidio colposo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche