Provincia

Crispiano, un buono per la differenziata

Ai cittadini virtuosi uno sconto da utilizzare nei negozi convenzionati


CRISPIANO -Differenziare a Crispiano converrà ancora di più. Oggi è partito “il Buono della Differenziata”, un progetto promosso da Serveco e amministrazione comunale di Crispiano che permetterà ai cittadini che si rivolgono al Centro Comunale di Raccolta (CCR) di collezionare punti e trasformarli in buoni sconto da utilizzare nei negozi convenzionati.

Per partecipare basta conferire i rifiuti presso il CCR, presentandosi con la tessera sanitaria dell’intestatario della Tari, per esempio: un chilo di carta, o cartone, equivarranno a trenta punti; un kg di plastica a cinquanta.

I punti potranno essere accumulati dal 15 aprile al 31 luglio, ma i cittadini avranno tempo per spenderli nei negozi convenzionati fino al 30 settembre. Sono sei le attività commerciali che hanno scelto di credere nell’iniziativa, lanciando così un messaggio positivo ai loro concittadini: A&O Quercia 2, Blue Market, Simply Market, Lady Market, Alimentari Anna & Michael e Alimentari Dichi. Per ringraziarli l’amministrazione comunale ha previsto uno sgravio fiscale del 10% sulla Tari. Per i cittadini sarà facile riconoscere i punti vendita convenzionati perché riporteranno in vetrina il marchio “Amici dell’ambiente”.

“Il Buono della differenziata è un modo per premiare i cittadini che hanno a cuore la salute del territorio e dell’ambiente, quindi di sé stessi-commenta Pino Caramia, responsabile dei servizi di Igiene Urbana di Serveco- ma anche per un’educazione continua alla raccolta differenziata dei rifiuti”. Il porta a porta, infatti, obbliga i cittadini a conferire i propri rifiuti in un dato orario, e chi non ce la fa può sentirsi svantaggiato.

Con il Buono della differenziata si incentiva l’utilizzo del CCR per conferire anche rifiuti diversi da quelli normalmente raccolti, come i farmaci scaduti, gli oli esausti, il metallo o gli elettrodomestici.

I buoni, del valore di 5 euro, potranno essere richiesti direttamente al CCR al raggiungimento dei mille punti e potranno essere utilizzati per una spesa minima di venticinque euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche