Provincia

Le chiavi di Massafra alla Madonna della Scala

La celebrazione alla presenza delle più alte autorità locali


MASSAFRA – Il sindaco Martino Tamburrano ha consegnato e “Chiavi della Città alla Madonna della Scala” e rinnovato, a nome di Massafra, l’invocazione alla Beata Vergine Maria, affinché continui a proteggere ed a preservare il popolo massafrese ed il suo territorio.

Il vescovo della Diocesi di Castellaneta, mons. Claudio Maniago, con la sua presenza ha sancito solennemente l’importanza del rito.

La protezione della Madonna della Scala risale al 1743 quando in occasione di un devastante terremoto che colpì duramente molte località dell’Italia meridionale, Massafra fu graziata. Il popolo massafrese, attribuendo lo scampato pericolo all’intercessione della Madonna della Scala, la invocò come sua protettrice e ne chiese il riconoscimento al Papa che lo accordò nel 1776.

Il corteo civico l'altro ieri è partito da piazza Garibaldi alle ore 11e ha raggiunto  la Insigne Collegiata di S. Lorenzo, dalla quale, congiuntamente all’amministratore diocesano ed alle Confraternite, si è avviato lungo via Vittorio Veneto per l’incontro con il simulacro della Madonna proveniente dall’omonimo Santuario.

Il rito della consegna delle “Chiavi della Città” è un intreccio di fede, devozione e tradizione popolare.  In considerazione dei festeg¬giamenti, la circolazione stradale sabato e domenica ha subìto alcune variazioni con la  segnaletica opportunamente predisposta dal comandi di Polizia locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche