29 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 29 Ottobre 2020 alle 13:43:57

Provincia

“Un territorio sotto controllo ambientale”

Il Sindaco di Crispiano, Egidio Ippolito


CRISPIANO – “L’abbandono abusivo di rifiuti sulle strade è un deprecabile malcostume, causa di grave degrado ambientale nonché di pericolo per la circolazione dei veicoli, motivo per  cui, lo stesso presidente Renzi, più volte ha bacchettato l’intero Sud. Nella migliore delle ipotesi esso è riconducibile a comportamenti non corretti da parte dell’utenza ma, molto spesso , è connesso a vere e proprie attività criminali in campo ambientale. Proprio criminali bisogna definirli, quei pochissimi cittadini che continuano a “sfidare” la pazienza del comando dei vigili urbani di Crispiano, che continuano a insistere in rigorosi controlli nelle zone periferiche del territorio delle 100 masserie, che si ricorda, premiato “Comune Riciclone” a livello nazionale”.

Così il sindaco Egidio Ippolito.“Un territorio vocato al turismo con i suoi 114 km quadrati, non  cosa semplice da “sorvegliare”, ma gli stessi sopralluoghi quotidiani, e con il senso civico dei crispianesi, aiuta a far rientrare il  fenomeno  in  maniera straordinaria, grazie a segnalazioni effettuate quotidianamente- prosegue il primo cittadino- sono state 70 le violazioni accertate e sanzionate, su 500 abbandoni effettuati nel corso di due anni, ma non sufficienti per abbassare la guardia, al punto tale, di “inseguire”, con tutti i mezzi a disposizione, probabili non residenti che “scherzano” su questo territorio. La giovane amministrazione comunale, che molto sta investendo sulla vivibilità di questa terra jonica, continua a credere primaria la sostenibilità dell’ambiente in tutte le sue sfaccettature, confermando che con la buona volontà di tutti, si può vivere un territorio che non è compromesso in maniera generalizzata, da alcune persone poco civili, abituate a non rispettare le regole, ma anche disposte a non rinnegare le loro responsabilità di fronte all’imprudente modo di vivere il proprio ambiente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche