Provincia

Vito Miccolis: così Massafra diventa la città dei rifiuti

L'attacco del rappresentante del partito democratico


MASSAFRA – “L’amministrazione comunale massafrese vuole trasformare la Tebaide d’Italia nella città dei rifiuti. Con una scellerata decisione si stanno realizzando sei isole ecologiche in alcune delle zone più belle di Massafra. L’assessore Gentile ha previsto le suddette isole in: piazza Dante (davanti alla  chiesa di San Francesco),  piazza Risorgimento (il salotto del rione dei Santi Medici Cosimo e Damiano), piazza Pasquale Blasi (una delle zone della movida massafrese),  via Lazzaro, (l’ingresso della città e l’inizio di corso Roma che è la strada più importante dell’intero abitato),  via Taranto (la terrazza cittadina sullo Jonio), ed infine  via Napoli nei pressi di scuole ivi esistenti. Insomma un vero e proprio disastro”.

E’ quanto dichiara, per il Pd massafrese, Vito Miccolis. “Tutti noi consiglieri comunali abbiamo sottolineato che tale scelta doveva essere rivista. Prima delle vacanze estive il Sindaco, a causa delle contestazioni, ha convocato tutti i capi gruppo consiliari, sia di maggioranza che di opposizione,  tutti i dirigenti comunali e l’assessore Gentile. In quell’incontro tutti abbiamo sollevato forti critiche al progetto. L’amministrazione comunale, recependo il dissenso e prendendo atto dell’unanime protesta, proponeva in tal sede una mediazione, prevedendo il sicuro  spostamento delle isole previste in piazza Dante ed in via Lazzaro.

Noi del PD non ci ritenevamo soddisfatti dal compromesso offerto dalla proposta di mediazione. Il Sindaco alla presenza di tutti i capi gruppo ha, inoltre, invitato l’assessore Gentile ad adoperarsi per lo spostamento delle isole ecologiche. Incredibilmente l’altro giorno sono iniziati i lavori di scavo proprio davanti alla Chiesa di San Francesco in piazza Dante. Tale ripresa dei lavori umilia tutti i capi gruppo e inoltre non è comprensibile il motivo per il quale si voglia trasformare le nostre piazze in luoghi di raccolta dei rifiuti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche