Provincia

Vandali all’assalto del canile di Crispiano

L’ira del sindaco Ippolito: “Un gesto da condannare”


CRISPIANO –  “Chi si è introdotto nel canile municipale, in fase di ristrutturazione, dando fuoco alla struttura del sanitario, non creda con questo atto delinquenziale di riuscire ad intimidire alcuno, né di restare impunito”.

Così il sindaco Egidio Ippolito. Si comprenda una volta per tutte che la musica è cambiata a Crispiano e che nessuno potrà sottrarsi al pieno rispetto della legalità – dice il primo cittadino – le forze dell’ordine prontamente intervenute, e che ringrazio pubblicamente, sono già sulle tracce dei malfattori.

Qualunque sia stata la motivazione del vile gesto, che ha messo peraltro a serio rischio la vita dei cani ospitati, si sappia che i programmi dell’amministrazione non subiranno alcun cambiamento.

Abbiamo ereditato una struttura fatiscente, per la quale le autorità sanitarie hanno intimato lo sgombero e la realizzazione dei necessari lavori, che con questo gesto saranno più costosi per la stessa comunità di Crispiano, atti a ripristinare le condizioni di legge per garantire la corretta custodia e il benessere degli animali. E ciò – prosegue Ippolito- ha richiesto il trasferimento temporaneo dei cani in altra struttura.

Una ineludibile necessità che evidentemente qualcuno non ha compreso. Salvo che, dietro a questo tipo di azione, non vi siano altri interessi che nulla a che vedere con la tutela degli animali. In ogni caso questa amministrazione è sempre aperta al confronto con tutti, ma solo in presenza di comportamenti civili e rispettosi delle regole.
Non sarà invece tollerata alcuna altra forma di violenza, oltretutto, qualcuno sapeva che in data odierna, i cani ospitati da alcune settimane e in attesa dei tempi stabiliti per legge, sarebbero stati trasferiti nella nuova struttura confortevole”. Così il primo cittadino crispianese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche