15 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Gennaio 2021 alle 15:22:45

Provincia

Meno tasse a Lizzano per chi adotta un cane

La proposta del consigliere comunale Antonio Lecce


LIZZANO – Il consigliere del Pd, Antonio Lecce lancia una proposta che concilia l’amore per gli animali con il risparmio sulle tasse comunali. Ad essere protagonisti, questa volta, gli amici a quattro zampe: i cani.

A Lizzano, infatti, la proposta del capogruppo del Partito democratico è al vaglio dell’ufficio finanze, che prenderà in considerazione la fattibilità del progetto. La mozione, nello specifico, prevede l’integrazione di un articolo all’interno del regolamento IUC in riferimento alla Tari.

Il meccanismo è semplice: l’integrazione dell’articolo ha come scopo quello di far risparmiare il cittadino, il Comune e garantire servizi migliori alla comunità. Nella fattispecie è prevista una riduzione della Tari per coloro che decidono di adottare un cane dal rifugio consortile San Francesco, a patto di rispettare la vita del nuovo arrivato in famiglia.
“La detrazione dalla tassa sarà pari all’importo di 200 euro per le utenze ad uso domestico per imposte che vanno al di sopra delle 500 euro annue e del 50% per imposte che non raggiungono la somma anzidetta qualora l’intestatario dell’utenza o un componente del nucleo familiare adotti un cane munito di microchip” così recita la prima parte della mozione in merito all’aspetto economico-finanziario della proposta.

“Non si pensi tuttavia- afferma Lecce- di utilizzare un essere vivente come scorciatoia per usufruire di una riduzione della tassa, gli affidatari dell’adozione, infatti, avranno compiti ben chiari da conseguire”

Infatti sono indicati nella seconda parte della proposta che recita: “Per avere diritto alla riduzione il possessore del cane ogni anno deve presentare un certificato rilasciato dal veterinario dell’Asp che certifichi l’esistenza in vita dell’animale e lo stato di buona salute”.

Il consigliere Lecce aggiunge: “Una proposta che si mette in regola con la costante crescita della sensibilità da parte degli uomini nei confronti degli amici scodinzolanti ma che allo stesso tempo garantisce un risparmio sia al cittadino, attraverso la detrazione sulla tassa, che al comune in quanto quest’ultimo, ad oggi, versa una cifra pari a 400 euro annui circa per ogni cane soggiornante presso il canile convenzionato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche