Provincia

Operazione scuola sicura a Grottaglie

Finanziate le indagini diagnostiche sui solai di 5 istituti


GROTTAGLIE – Finanziate le indagini diagnostiche  dei  solai di cinque  scuole. Lo ha reso noto l’assessore ai Lavori pubblici,  Francesco Donatelli. 

“La legge n. 107 del 2015, la cosiddetta “Buona Scuola” ha l’obiettivo di garantire la sicurezza degli edifici scolastici e di prevenire eventi di crollo dei relativi solai e controsoffitti e pertanto il Ministro dell’Istru-zione, dell’Università e della Ricerca, nell’ottobre scorso ha emanato un avviso pubblico individuando quattro criteri per la selezione degli interventi: vetustà degli immobili, con particolare riferimento agli edifici costruiti prima del 1970; quota di cofinanzia-mento; indice di rischio sismico; assenza di finanziamento negli ultimi 5 anni, per interventi strutturali o per indagini diagnostiche- si legge in una nota- sulla base dell’avviso pubblico il Comune di Grottaglie ha candidato sette edifici scolastici partecipando con una quota di cofinanziamento.

Il risultato è molto soddisfacente visto che, in provincia di Taranto su 253 domande, la città della ceramica si è piazzata tra i primissimi posti.Infatti sono state finanziate le indagini diagno-stiche dei solai di cinque edifici -scolastici  su sette: scuole elementari Sant’Elia e don Bosco; scuola media Annessa, scuola media D. L. Sturzo, scuola media Pigna-telli. Le altre due scuole candidate, le materne Collodi e  Rodari  saranno successivamente finan-ziate a seguito di ulteriori scorrimenti delle graduatorie per economie derivanti dagli interventi ovvero da eventuali revoche che saranno riasse-gnati con apposito decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca”. L’affidamento delle indagini diagnostiche scade il prossimo 31 gennaio e l’assessorato ai Lavori Pubblici e Manutenzioni metterà subito in atto tutte le azioni necessarie per avviare le indagini diagno-stiche sui solai delle cinque scuole .

“Ciò a conferma dell’impegno dell’amministrazione comunale nella manutenzione delle strutture scolastiche-prosegue la nota-  anche per rassicurare  studenti e operatori scolastici che frequentano ambienti sicuri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche