29 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 29 Luglio 2021 alle 10:57:13

Provincia di Taranto

“Nessa deve tener fede agli impegni”

MARTINA F. – Bufera nella coalizione di centrodestra. Le dichiarazioni del senatore Lino Nessa ed il suo dietrofront alle dimissioni da commissario cittadino del Pdl continuano a far discutere. Oggi la voce di polemica è quella di Domenico Carbotti, candidato al consiglio comunale per la Puglia prima di Tutto. La sua prima esperienza per una lista che ha preso circa 1.600 voti al fianco del Pdl e del movimento Idea Lista, collegato al candidato sindaco Michele Marraffa.

Qual è il suo giudizio sull’esito elettorale? “Buono se si considera il fatto che la nostra lista è stata redatta in pochi giorni. Solo un centinaio di voti ci separano dalla lista di Marraffa che, invece, ha cominciato a lavorarci sù circa un anno prima. La nostra è una lista giovane, fatta di persone che non hanno mai avuto alcun rapporto con la politica e che, invece, Nessa dovrebbe considerare maggiormente”. A cosa si riferisce? “Alle dichiarazioni rilasciate dal senatore che dice di voler ricominciare con i giovani del Pdl e di Idea Lista, dimenticando che, invece, la media in fatto di età è più bassa nella lista della Puglia prima di Tutto. Siamo noi i veri giovani della politica martinese”. Il centrodestra ed il Pdl sono usciti sconfitti da questa campagna elettorale. Che riflessione fa? “Si sono usate e si continua ad usare strategie sbagliate da parte di chi ancora non ha capito il tenore della sconfitta tant’è che vuole ripartire da chi ha perso. Non tenendo conto della Puglia prima di Tutto”. Si riferisce sempre a Nessa? “Sì. La lista della Puglia prima di Tutto è stata redatta anche alla luce della sua lettera del 28 marzo in cui Nessa annunciava la volontà di rimettere il mandato commissariale in vista del rinnovamento del Pdl. Oggi si rimangia tutto. Deve invece tener fede agli impegni assunti prima del voto e non può decidere lui da chi ripartire, perchè è dimissionario. Dirò di più. E’ scoraggiante ripartire da chi, invece, visto il risultato, dovrebbe farsi da parte”. Dopo il caso primarie, quindi, anche la responsabilità dell’esito elettorale è attribuita a Nessa. “Non può essere altrimenti. Anche per la lista della Puglia prima di Tutto aveva assunto impegni ben precisi, poi ha lasciato ad altri il compito di portare a termine la missione. E devo dire con successo. Ora cerca di arrampicarsi sugli specchi tentando di giustificarsi e portando avanti una strategia che si è già rivelata fallimentare”. M.D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche