Provincia

Massafra, un grande esempio di civiltà

Alta la percentuale di raccolta differenziata raggiunta dal Comune


“E’ un esempio di buona amministrazione”: ad affermarlo è stato, l'altra sera, il sindaco Martino Tamburrano, durante l’incontro con i giornalisti organizzato per fare il punto della situazione sull’andamento della raccolta differenziata in atto a Massafra.

E’ una percentuale straordinaria – ha detto il sindaco – di raccolta differenziata quella raggiunta dal comune di Massafra nell’anno 2015. Infatti, grazie al 59,70%, l’aliquota del tributo dovuto per il 2016, sarà di 6,97 euro/t.

“I cittadini – continua Tamburrano – hanno compreso quanto fosse importante la differenziata e si sono impegnati tanto in questa azione di civiltà”.

A tal proposito ha ringraziato tutti coloro che si sono adoperati nel nuovo sistema di raccolta rifiuti. Altro punto trattato dal primo cittadino, oltre al cambio del gestore del servizio, è stato quello della lotta all’evasione del tributo con un recupero di forti somme.  Rivolgendosi all’assessore al Servizio RSU, Raffaele Gentile, lo ha chiamato “mister 60%”, proprio a sottolineare l’ottimo lavoro svolto nel coordinare il servizio della differenziata, mai considerata una guerra, ma un obiettivo da raggiungere.    

L’assessore Gentile si è soffermato sulla difficoltà del servizio e sulla battaglia culturale della differenziata, cresciuta in modo sensibile dal 3,56% al 59,70 %. Anche l’assessore al Servizio RSU si è soffermato sulla standardizzazione della raccolta con l’ecotassa al minimo. “Massafra – ha continuato Gentile – ha avuto un nuovo modo di reinterpretare i rifiuti stessi, riciclo compreso. Comunque, permangono alcune criticità come l’abbandono incontrollato dei rifiuti in alcuni luoghi della città, ma si sta agendo costantemente in tal senso per debellare il fenomeno. L’allargamento della base imponibile – ha concluso l’assessore – ha determinato una situazione di “eco giustizia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche