Provincia

I Comuni a difesa degli allevatori

I sindaci di Martina Franca, Mottola e Noci incontrano l’assessore Di Gioia


Martina Franca, Mottola e Noci a difesa degli allevatori.

“Si fa sempre più evidente la crisi che investe il settore della zootecnia nel nostro territorio, in particolar modo per quel che concerne la questione del prezzo del latte, schiacciato da una concorrenza sleale da parte dei produttori esteri e dall’uso di latte non di qualità” si legge in una nota del Comune di Martina Franca.

Nei giorni scorsi il sindaco Franco Ancona e il consigliere regionale Donato Pentassuglia hanno incontrato, a margine di un convegno dedicato al nuovo Programma di Sviluppo Rurale, una delegazione di allevatori del territorio che ha rappresentato la situazione attuale del comparto, sempre più penalizzato da improvvisati produttori lattiero caseari, che danneggiano, tra l’altro, soprattutto i caseifici che rispettano la nostra tradizione produttiva.“

Infatti, è diffusa, purtroppo anche da noi, la sofisticazione in laboratorio della “ caseina” (la proteina del latte) a danno della genuinità del prodotto e l’attività di prevenzione e controllo non risulta al momento adeguata alla gravità del problema- prosegue la nota- è stato, perciò, deciso, di attivarsi insieme agli altri Comuni limitrofi maggiorente coinvolti, in particolare Noci e Mottola, con l’obiettivo di coinvolgere tutti i livelli istituzionali per contrastare, nel miglior modo possibile, l’uso di prodotti contraffatti nella produzione lattiero casearia”.

Per questi motivi, i sindaci di Martina Franca, Noci e Mot-tola, hanno convocato una riunione per venerdì 12 febbraio, alle ore 11.30 nella sala consiliare del Comune di Noci, a cui sono stati invitati l’assessore regionale alle Politiche Agricole, Leonardo Di Gioia, il presidente della Commissione Agricoltura, Donato Pentass-uglia e tutte le associazioni di categoria (Copagri, Confagricoltura, Cia, Coldiretti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche