Provincia

Rifiuti, protesta nella marina di Lizzano

Lettera al Prefetto del consigliere Ilaria Saracino


LIZZANO – “E’ stato interrotto il servizio di raccolta rifiuti nella marina di Lizzano. Alcune famiglie hanno protestato perché sono stati rimossi i contenitori della nettezza urbana”. Così il consigliere comunale Ilaria Saracino.

“Gli uffici comunali hanno riferito che tale interruzione è dovuta alla modifica della tipologia di raccolta, nel senso che dalla indifferenziata si passerà alla differenziata porta a porta e al cambio della ditta appaltatrice che dovrà provvedere alla raccolta e smaltimento – aggiunge il consigliere di Sinistra Unita- a dire degli stessi uffici comunali nella marina il servizio di raccolta differenziata dovrebbe iniziare a maggio del 2016. Nel frattempo i residenti e gli utenti in genere della marina non sanno come fare per smaltire i loro rifiuti. In questa assurda situazione è facile immaginare quello che accadrà i prossimi giorni, durante le vacanze pasquali, quando come consuetudine, in molti raggiungeranno le nostre coste per festeggiare Pasqua e Pasquetta”.

Ilaria Saracino ha inviato una lettera aperta al sindaco e all’amministrazione comunale di Lizzano per invitarli ad adottare provvedimenti immediati per la soluzione del grave problema e per riavviare immediatamente, con qualsiasi modalità si ritenga, un servizio pubblico necessario che è stato interrotto. La Saracino ha inviato la lettera al Prefetto di Taranto chiedendo il suo intervento per risolvere il problema. “Nel territorio circostante la marina, non vi sono cassonetti e gli utenti non hanno la possibilità di conferire i rifiuti in alcun modo- sottolinea il consigliere nella lettera- la situazione è ancora più grave se si consideri che in questo periodo di festività pasquali la marina viene raggiunta da un numero maggiore di residenti e utenti e dunque l’interruzione del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti produrrà danni all’ambiente e alla salute dei fruitori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche