18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Provincia

Palmisano: “Più pulizia e meno affitti in nero”


MARTINA F. – Un centro storico da rifare. L’amministrazione comunale ascolta oggi i protagonisti della vita sociale ed economica di quella fetta di territorio. Albergatori, ristoratori, commercianti e residenti illustreranno alla nuova giunta del neo sindaco Franco Ancona i problemi del cuore cittadino. Tra loro c’è Francesco Palmisano che, presidente provinciale di Federalberghi Taranto, gestisce in città alcune tra le principali attività. Partendo dai problemi quotidiani, Palmisano ha già delle proposte da avanzare alla nuova amministrazione comunale. “Si sono appena insediati e quindi è chiaro che non possiamo avanzare critiche – ci dice – ma i problemi che vive il nostro centro storico sono tanti che non si può perdere tempo.

Alla nuova amministrazione comunale intendiamo sottoporre quelle che sono le segnalazioni che ci giungno direttamente dalla nostra clientela.A cominciare dalla pulizia. Spesso i turisti che alloggiano dalle nostre parti lamentano un centro sporco, una scarsa illuminazione e soprattutto la carenza di parcheggi. Ci sono aree esterne al centro urbano che potrebbero invece essere trasformate in aree di sosta e da cui, con un bus navetta, magari elettrico che l’Enel proprio in questi giorni sta mettendo gratuitamente a disposizione, si potrebbe tranquillamente raggiungere il centro storico senza il problema del parcheggio e senza congestionare le via principali”. Ma il tormentone degli albergatori martinesi, e non solo, sono gli affitti in nero. “E’ un fenomeno diffuso anche in Valle d’Itria – ci conferma Palmisano – e che crea una concorrenza sleale per chi, invece, rispetta le regole. Alla nuova amministrazione vorrei chiedere un censimento di tutte le case vacanze che esistono nel centro storico”. Un centro storico tutto da scoprire e che non sempre viene promosso a dovere. “Anche la recente iniziativa del commissario Calvosa di realizzare delle mappe – chiosa Palmisano – non mi sembra sufficientemente utile a valorizzare le nostre risorse, perchè fatta quasi in sordina. Meglio dei veri e propri itinerari da far conoscere a tutti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche