15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 19:30:02

Provincia

Tasse, “tagliate le spese”


SAMSUNG DIGIMAX 420

SAN GIORGIO – “Il sindaco in più occasioni ha detto di aver rinunciato all’indennità di carica, ma la verità è che ha preferito quella da consigliere provinciale, probabilmente più alta”. Baldassare Mangione, responsabile cittadino di Api, alimenta il dibattito sulla pressione fiscale in arrivo. Dopo Tosap, mensa e scuolabus, infatti il sospetto è che in arrivo ci sia un incremento per l’Imu e l’Irpef. “In questo momento di particolare difficoltà economica per le famiglie – afferma Mangione – va fatta un’analisi sulle reali spese che il Comune sostiene.

Ritengo che, in questa situazione, se è vero come afferma il sindaco Giorgio Grimaldi che nelle casse comunali non ci sono più soldi per via dei tagli da parte dello Stato, va precisato che prima di pensare ad aumentare la pressione fiscale ai cittadini andrebbero tagliate tutta una serie di spese che sono già a livelli spropositati”. Mangione ed il suo gruppo politico si sono già fatti promotori di alcune proposte mirate a contenere l’effetto dell’Imu sui contribuenti, ma è anche stato tra gli accusatori di un ricorso esasperato all’affidamento all’esterno di incarichi professionali da parte dell’amministrazione Grimaldi. Ed è su questo fronte che continua ad insistere. “Prima di vessera i cittadini con ulteriori tasse andrebbero innazittuto tagliate le indennità a cominciare da quelle degli assessori almeno per un anno. Sarebbe la dimostrazione di un rapporto tra Amministrazione e cittadini corretto.Poi sicuramente vanno ridotti gli incarichi, sia legali che tecnici, perchè è illogico spendere 2.500 euro di parcella legale per un contenzioso da 3.000 euro. Nei primi sei mesi di gestione questa amministrazione ha già speso cifre a tre zeri per l’affidamento all’esterno di incarichi professionali. Andrebbero, invece, resi partecipi gli uffici comunali”. Chiude con l’invito al confronto tra tutte le forze sociali e politiche della città per evitare una nuova mazzata fiscale per tutti. “Invoco la famosa democrazia partecipata – conclude Mangione – tanto decatanta dall’amministrazione di centrosinistra durante la campagna elettorale per cercare di lavorare in sinergia nell’esclusivo interesse di tutti i sangiorgesi”.

M.D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche