Provincia

Infiltrazioni a San Nicola


MARTINA F. – Settecento anni fa nasceva la città, ma anche la Chiesa di San Nicola dei Greci. Risalente al XIII secolo l’antica chiesa di via Cairoli rischia di vedere cancellare per sempre i preziosi affreschi che conserva da secoli. Un video che in questi giorni è stato girato da elezionimartina.it evidenzia lo stato di abbandono in cui si trova la struttura. Le infiltrazioni d’acqua stanno gonfiando gli intonaci e rovinando gli affreschi. La città, dichiara nel video Giorgio Cocozza, rischia di perdere un grande patrimonio artistico e culturale.

L’appello quindi è rivolto alla Sovrintendenza ai Beni Culturali ed alla nuova amministrazione comunale che, per voce dell’assessore alle attività culturali, Antonio Scialpi così risponde: “Mercoledì scorso ho svolto un sopralluogo presso San Nicola dei Greci, simbolo di un’architettura religiosa tardomedievale con preziosi affreschi, restaurata negli anni scorsi, da tempo chiusa ai visitatori e non fruibile ai cittadini. Con rammarico ho constatato il rigonfiamento degli intonaci e il loro sbriciolamento legato soprattutto all’infiltrazione di acqua dal tetto spiovente di pietra ed infestato da vegetazione. Anche nei nuovi locali predisposti alla dislocazione delle scaffalature della biblioteca comunale nel piano terra del Palazzo Ducale, dopo il restauro recente, sul lato prospiciente Via Barnaba ho notato una diffusa umidità che inibisce e sconsiglia lo spostamento del grande patrimonio librario e l’allestimento della sala lettura e ricerca. Di tanto ho chiesto relazione scritta all’ufficio tecnico per chiarire modalità di esecuzione dei lavori, responsabilità, interventi, competenze e per conoscere l’esito di eventuali collaudi fatti, al fine di procedere operativamente secondo gli obiettivi fissati dall’amministrazione comunale”. Dunque non solo la chiesa, ma anche Palazzo Ducale va salvato. E considerando che ad agosto ricorre il 702esimo anniversario del ducato di Martina Franca allora quale migliore occasione per cominciare a dare a queste strutture un segnale di maggiore interessamento e recupero? Il Palazzo Ducale per tutta l’estate sarà aperto anche di sera per i visitatori. Perchè non pensare a qualcosa di simile anche per la chiesa di San Nicola?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche