16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 15:43:58

Provincia

«Ripartire equamente i fondi per Taranto»

Il consigliere Turco interviene sul programma di sviluppo rurale


BARI -“È di vitale importanza, oggi più che mai, restituire al territorio di Taranto e al tessuto imprenditoriale agricolo gli strumenti necessari per sviluppare un’economia sostenibile e innovativa. Il Programma di sviluppo rurale deve poter essere una leva di sviluppo anche per la comunità tarantina, la quale sente il bisogno di attivare processi virtuosi con il solo obiettivo di far crescere il territorio, anche e soprattutto in favore dei giovani”.
Lo dichiara il consigliere regionale de La Puglia con Emiliano Giuseppe Turco sul Psr della Regione Puglia analizzando i fondi previsti per l’area di Taranto. “La classificazione individuata nel PSR 2014-2020 della Regione Puglia – spiega – ha di fatto inserito, sulla base di parametri statistici e indicatori precisi (come popolazione, tasso di disoccupazione, Pil, etc) l’area Tarantina tra le zone, cosiddette, ‘A’, ovvero urbane e periurbane, alle quali è precluso l’accesso a determinati finanziamenti. In favore, a buon diritto, delle zone svantag­giate.  Il governo regionale e il Dipartimento Agricoltura – prosegue – hanno ereditato un documento già in parte formalizzato dalla precedente amministrazione regionale e licenziato, per alcuni aspetti, come per la suddivisione territoriale, dalla Comunità europea. E ciò senza tener conto di esigenze e contingenze che riguardano alcuni territori, come Taranto, nel caso specifico. Per questo motivo è opportuno, in accordo con il partenariato, si ripensi e modifichi tale ripartizione. Sono certo – conclude il consigliere Turco –  che l’assessore alle Politiche Agricole Leo Di Gioia, anche per lo spirito di condivisione che lo ha da sempre contraddistinto, comprenderà le motivazioni di una intera comunità che vuole riap­propriarsi delle proprie risors­e e valorizzarle, proponendo le modifiche tanto auspicate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche