29 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 29 Luglio 2021 alle 22:09:00

Provincia di Taranto

Ospedali e tagli. Ora si fa sul serio


TARANTO – Quella che si sta concludendo è stata la settimana delle sorprese, ma la prossima sarà quella delle verifiche in fatto di sanità. La spending review del Governo Monti ha riacceso i riflettori sugli ospedali tarantini paventando la chiusura del San Marco di Grottaglie e del Giannuzzi di Manduria. Ieri la notizia del blocco dei tagli per gli ospedali con meno di 120 posti letto (entrambi rientrano in questa fascia, ndr) e dell’affidamento da parte del Governo nazionale alle Regioni di decidere in merito non ha certo gettato acqua sul fuoco di polemiche già innescate dalla fase II del piano di rientro sanitario regionale. E se la settimana che volge al termine è stata ricca di commenti, quella che inizierà lunedì si preannuncia altrettanto animata.

Da lunedì, infatti, si comincerà a fare sul serio. Il 9 luglio la III Commissione regionale Sanità auscolterà i rappresentanti delle associazioni di tutela del malato (Cittadinanza ttiva, Tribunale del malato ecc) per vagliare il piano di rientro e di riqualificazione del sistema sanitario reginale entrato nella fase II. Martedì il comitato Pro Giannuzzi sarà ascoltato dalla stessa commissione regionale e si prevede battaglia sui tagli che, per Manduria, prevedono la chiusura del punto nascita e dei reparti di pediatria, ostetricia e Utic. Su tutti, però, ora c’è la minaccia di chiusura totale. Mercoledì 11, invece, a Taranto saranno i sindaci a riunirsi all’Asl. E’ convocata la rappresentanza dei 5 eletti (Stefàno, Alabrese, Tamburrano, Gugliotti ed il commissario di Manduria Lombardo) per ragionare sul piano di rientro. L’argomento fu rinviato durante l’ultima assemblea che ha infuocato gli animi sull’esclusione di Mottola in favore di Castellaneta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche