23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Aprile 2021 alle 15:06:21

Provincia

I turisti trovano i cassonetti stacolmi di rifiuti


MARTINA F. – Migliaia di turisti visitano la città in occasione della festa patronale, ma trovano i cassonetti della raccolta differenziata stracolmi di rifiuti. La foto che pubblichiamo è stata scattata dal vice presidente dell’associazione Un’altra Martina, Michele Lenti che nel pomeriggio di domenica, ultimo giorno dei festeggiamenti, non ha potuto fare a meno di notare lo scenario di degrado. Purtroppo non è l’unico, perchè un appalto vecchio di vent’anni che va avanti grazie alle proroghe produce anche questi effetti. “La raccolta differenziata non è nemmeno prevista in quel contratto – ci spiega Tonio Cantore, presidente dell’associazione che si occupa anche della sensibilizzazione al rispetto per il territorio – e viene eseguito praticamente gratuitamente per tre volte a settimana.

Inoltre in questi giorni di festa il servizio ha subito un rallentamento e con l’arrivo dell’estate gli operatori sono stati smistati verso le campagne. Tutto questo ha contribuito ad accrescere il numero di rifiuti nei pressi dei cassonetti e lo spettacolo è davvero sconcertante”. La raccolta differenziata a Martina Franca è ferma ancora al 4% e nelle scorse settimane l’assessore all’Ambiente Stefano Coletta si è recato ad Acerra per “spiare” come viene eseguita da quelle parti e, magari, prenderne esempio. Ma, in attesa del nuovo bando di gara, occorre evitare che i turisti si trovino di fronte a scende da Terzo Mondo. “E’ per questo – insiste Cantore – che sto pensando di chiedere all’amministrazione comunale di aumentare i giorni di raccolta, perchè con l’arrivo dell’estate notoriamente aumenta il consumo di bibite ed acqua e quindi più plastica viene smaltita. I cassonetti, pertanto, si riempiono più velocemente e vanno svuotati, quindi, più spesso”. Purtroppo le segnalazioni di questo tipo sono ormai all’ordine del giorno e se è pur vero che i cittadini vanno educati a smaltire in maniera differenziata i rifiuti, è altrettanto vero che per consentirli di farlo vanno garantiti gli strumenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche