21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 09:30:12

Provincia

Battaglia all’ultimo seggio. Cassano prepara il ricorso


MARTINA F. – C’è già il mandato. La Destra non rinuncia al posto in consiglio comunale per Leo Cassano. Dopo l’assegnazione di 15 seggi alla maggioranza e solo 9 all’opposizione da parte del giudice Casarano, infatti, il candidato sindaco della Destra è rimasto fuori dal consiglio comunale eletto a maggio. Ma dalla segreteria cittadina non mollano perchè convinti, ci dice il coordinatore Donato Marinosci, che quella poltrona assegnata alla maggioranza spettava, invece, a Cassano. C’è tempo fino al prossimo 20 luglio per presentare il ricorso contro la decisione della commissione elettorale. Si era pensato inizialmente di attendere la sentenza di Galatina per un caso simile, ma è tutto rinviato al 25 luglio.

Non c’è tempo, quindi, per aspettare ed, infatti, l’avvocato Enrico Pellegrini, a cui la segreteria della Destra si è rivolta, è già al lavoro. Sta studiando i dettagli per presentare un ricorso che riporti in auge il candidato sindaco Cassano. Questi è già stato in consiglio comunale durante l’ultima amministrazione, tra i banchi di maggioranza. Il suo ruolo ora, invece, sarebbe di opposizione al governo di centrosinistra del sindaco Franco Ancona che si trova oggi a governare con uno scarto di 6 consiglieri in più. “Ricorreremo al Tar – aveva già detto Marinosci all’indomani della proclamazione degli eletti – perchè ci sono troppe cose strane che non vanno”, citando altri casi in cui, invece, lo sbilancio tra maggioranza ed opposizione è stato di 5 consiglieri con un rapporto di 14 a 10. E’ la tesi su cui continueranno a battersi gli esponenti della Destra che insieme ad Adc Pionati, alle elezioni ha portato a casa il 4,62% di preferenze. Percentuale che, quindi, supera la soglia di sbarramento del 3% che consentirebbe a Cassano di godere del premio di governabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche