17 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Ottobre 2021 alle 14:59:00

Provincia di Taranto

La nuova era del Pdl. “Riuniamo i moderati”


MARTINA F. – La nuova era del Pdl martinese inizia da via De Gasperi dove, ieri sera, i vertici provinciali e cittadini hanno aperto il nuovo quartier generale. Il neo coordinatore Gianfranco Chiarelli ha voluto con sè il coordinatore ed il vice coordinatore provinciale del partito, rispettivamente Gino Montanaro e Renato Perrini, ma anche il senatore Lino Nessa che, dopo l’esito elettorale, ha ceduto il testimone. In sala anche in consiglieri comunali eletti, i candidati e molti giovani e donne. E’ da loro che, infatti, Chiarelli intende ripartire. E la ripartenza è la prima tappa del nuovo processo di ricostruzione del Pdl martinese.

“Con ripartenza – ha spiegato il coordinatore cittadino – intendiamo il recupero di quella unità del centrodestra, riferendoci in modo particolare alla realtà martinese, la cui frammentazione ha determinato la recente sconfitta elettorale”. Passerà al rinnovamento inteso come “modo di interpretare l’impegno politico soprattutto nel rapporto col territorio”. Infine il progetto di rilancio “socio-economico della città”. Da settembre il Pdl intende avviare un’attività di ascolto e di confronto. “Il Pdl martinese – ha spiegato Chiarelli – intende superare concretamente la fase delle enunciazioni per passare ai fatti. Quale partito di riferimento del centrodestra ha oggi il compito, e il dovere, di proporre alle altre forze dell’area di centrodestra, un percorso che conduca al superamento di ogni passata incomprensione consentendo di recuperare quegli spazi che gli appartengono per storia, tradizione e impegno. Per questo nell’aprire la nuova sede si vuole contestualmente e simbolicamente aprire la strada per edificare una casa comune dei moderati, rivolgendosi soprattutto a quegli amici che per varie ragioni hanno inteso ricercare altrove gli spazi per esprimere le loro riconosciute potenzialità. Il primo impegno sarà quello di compattare l’opposizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche