14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Aprile 2021 alle 15:33:27

Provincia

Una palma secca dà il benvenuto alla mostra


GROTTAGLIE – Non si capisce se fa parte delle opere in esposizione o se è semplicemente… morta. La palma che si incontra nel giardino esterno del Castello Episcopio che da giugno ospita la Mostra della Ceramica non è certo un bel vedere. E con questo altre segnalazioni giunte pongono in cattiva luce quella che è, per definizione, la mostra più importante per la città della ceramica. Dedicata quest’anno al ceramista grottagliese Luigi Motolese non c’è, in tutta la mostra, una relazione che indichi chi fosse e la sua biografia. Nemmeno una brochure che illustri le opere esposte è disponibile all’ingresso della mostra dove, in mattinata o in serata, non si trova nessuno.

Più di qualcuno ci ha infatti segnalato l’assenza di operatori o guide che accompagnino il visitatore lungo il percorso segnato dalle numerose opere. Sull’allestimento della mostra non proferiamo parola perchè potremmo non aver ben interpretato il significato degli specchi giganti appesi al soffitto. Ma è tra i giardini che si notano le principali storture. Alla palma secca si aggiungerebbe un gradino pericoloso o nel giardino Mediterraneo un presepe di valore dalle dimensioni naturali immerso tra le sterpaglie. E’ così che si vogliono accogliere i turisti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche