15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 19:30:02

Provincia

Un vecchio concorso il dilemma di Ancona


MARTINA F. – Sembra davvero uno scherzo della sorte il dilemma nato in questi giorni per il sindaco Franco Ancona che negli uffici di Palazzo Ducale si sarebbe visto piombare le richieste per il risarcimento del danno subito da parte di due partecipanti ad un vecchio bando di concorso degli anni Novanta quando – ed è qui che spunta il caso segnalato anche dal sito elezionimartina.it – Ancona era segretario della Cgil. Questi i fatti. Era il 1989 quando l’allora amministrazione comunale guidata dal sindaco facente funzione (c’era stata la sospensione per Punzi per una condanna ad 8 mesi) bandì un concorso per l’assunzione di trentuno dipendenti appartenenti alle categorie protette (portatori di handicap, orfani di guerra, sordomuti ecc).

Ci fu la selezione, ma proprio per l’intervento della Cgil il bando fu annullato. Franco Ancona si battè perchè secondo la normativa vigente per quelle categorie non si doveva procedere a concorso, ma scorrere dalle liste. Oggi chi è rimasto senza occupazione, o comunque pur aggiudicandosi un posto tra i 31 disponibili non ha potuto mai entrare a far parte dell’equipe comunale, ha presentato il conto al Comune. Una causa civile ha voluto che le richieste di risarcimento finissero sulla scrivania di chi, ventitrè anni fa, si era battuto per difendere l’azione di molti esclusi dalle assunzioni. Cosa deciderà di fare il sindaco Ancona? Per ora si limita a dire: “Vedremo” ma appare più che scontato che il Comune non pagherà mai gli errori commessi vent’anni fa da una classe politica dirigente differente da quella odierna. Con un bilancio ancora tutto da verificare e le arcinote difficoltà di cassa dei Comuni, quasi certamente il sindaco non mollerà i circa 250mila euro richiesti da chi ha vinto la causa. Ma come lui stesso dice… staremo a vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche