Provincia

Marinosci sfiduciato: “Parola ai regionali”


MARTINA F. – Non sembra aver subito alcun colpo il segretario comunale della Destra, Donato Marinosci che resta sorridente seppure da martedì scorso sia stato sfiduciato dal suo segretario provinciale. Con una stringatissima nota Graziana Bruno ha fatto sapere che “Marinosci non è più segretario comunale per la Destra di Martina Franca”. Una missiva seguita ad una raccomandata indirizzata a Mari¬nosci in cui dalla segreteria provinciale si lamentano gli atteggiamenti che lo stesso avrebbe assunto negli ultimi tempi. “Non ho alcun problema” osserva Marinosci che si dichiara pronto ad accettare eventuali revoche, ma prima aspetta di conoscere il parere dei vertici regionali e nazionali. “Vediamo cosa ne pensano loro” dichiara apertamente con un tono di sicurezza che fa preannunciare una sorta di battaglia intestina tra le segreterie cittadina e provinciale della Destra.

Contro di lui Graziana Bruno aveva usato parole precise: “Marino¬sci non sempre si è attenuto alle regole dello Statuto del partito e non sempre si è coordinato con la segreteria provinciale facendo nascere intoppi e problemi”. Al suo posto ci potrebbe essere già l’indicazione di qualcun altro. Una rosa di nomi pare sia già pronta. “Non ho alcun problema – ribadisce – a passare il testimone, ma dovranno essere i vertici regionali e nazionali a decidere ammesso che qualcuno gli abbia informati di questa decisione”. Una lettera all’indirizzo dell’on. Agostinacchio pare sia già partita proprio dalla città della Valle d’Itria, ma in difesa di Marinosci. Tra lui e Graziana Bruno c’è l’avvocato Leo Cassano che entrambi hanno sostenuto durante la campagna elettorale e che entrambi hanno voluto che ricorresse al Tar contro la decisione della commissione elettorale di ripartire 15 a 9 i seggi tra maggioranza ed opposizione, lasciando fuori, appunto, il candidato sindaco della Destra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche