Provincia

Produttori e ristoratori per la prima volta uniti


MARTINA F. – Il capocollo è protagonista della sinergia tra i produttori enogastonomici ed i ristoratori martinesi. Per la prima volta tra le due categorie si fa quadrato, probabilmente anche in segno di lotta contro la crisi galoppante. Stamattina a Palazzo Ducale 35 aziende dell’associazione Produttori Capocollo di Martina Franca e delle associazioni agroalimentari della città hanno sottoscritto il protocollo d’intesa dal tema “Saporiritrovati” con cui già dal prossimo autunno comincerà una stretta collaborazione per promuovere il territorio, le sue ricchezze enogastronomiche e la ristora¬zione. “Rilanciare l’immagine di questa città è il nostro obiettivo finale” ha detto il presidente dell’associazione Capocollo di Martina Franca, Angelo Costantini che già un anno fa aveva proposto al Comune il protocollo d’intesa.

L’amministrazione Ancona ha confermato l’adesione del Comune all’iniziativa ed, attraverso gli assessori Nunzia Convertini, Franco Convertini, Pasquale Lasorsa e Antonio Scialpi, stamattina ha garantito la collaborazione. Tra i progetti la stesura di una brochure bilingue (italiano/inglese) per i turisti in cui illustrare le bontà enogastronomiche della città ed i punti in cui degustarle. Ma in pentola ci sono anche la stesura di menù in cui viene specificata la provenienza delle materie prime, ovvero i produttori di olio, vino, formaggi, latticini ed ovviamente del famoso capocollo martinese. Bontà di cui persino i camerieri dovranno essere ben informati. Per loro, infatti, si organizzeranno dei corsi di formazione. Insomma oltre a degustare i prodotti tipici martinesi, ora li si dovrà conoscere più a fondo. “Al primo posto – ha detto Costantini – resta comunque la qualità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche