27 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2020 alle 16:46:59

Provincia

Terra delle Gravine in vetrina

La stampa nazionale “scopre” il territorio


LATERZA – La Puglia anche
quest’anno si conferma una Regione attrattiva.

Sono ottime le performance
registrate nel 2016: complessivamente
3,7 milioni di
arrivi (3,4 milioni nel 2015)
e 14,4 milioni di presenze
(13,5 milioni nel 2015). I
dati diffusi in occasione
della Borsa del Turismo di
Milano riportano, rispetto
al 2015, un incremento sia
degli arrivi (+ 9%), sia dei
pernottamenti (+7%).
In questo quadro si inserisce
la proposta di raccontare una
Puglia che del turismo ha
fatto la sua naturale declinazione
economica e culturale,
la Terra delle Gravine.
Un territorio ampio che va
da Laterza sino a Grottaglie,
le due città unite anche nel
segno della ceramica e della
tradizione maiolica, passando
da Ginosa, Palagianello e
Castellaneta.
Nel mezzo un mondo straordinario
da raccontare, fatto
di eccellenze naturalistiche,
come la Gravina, ovvero il più
grande Canyon naturale con
i suoi villaggi neolitici, che
riprende la bellezza dei sassi
di Matera, e con un’offerta
per un turismo variegato:
amanti della natura, dello
sport estremo o chi è alla
ricerca della bellezza delle
permanenze storiche e architettoniche.

Una vacanza
tailor made insomma, da
modulare sulla base delle
esigenze del turista che ha
voglia di scoprire una Puglia
nuova. «C’è una ricchezza
naturalistica che è ormai patrimonio
indiscusso e autentico
– spiega Gianfranco Lopane,
sindaco del comune di
Laterza capofila dell’unione
dei comuni che si ritrovano,
appunto, nel nome della Terra
delle gravine.

Basta arrivare
a Grottaglie dove le cave di
Fantiano sono lo scrigno di
un parco naturalistico in cui
olivi secolari e boschi di Pino
d’Aleppo sono la cornice di un
sistema di grotte e antichi
insediamenti spettacolari; o
ancora il villaggio neolitico
incastonato nella porzione di gravina nell’are di Ginosa»
Un percorso alla scoperta
della cultura e delle tradizioni
di questa terra che da
ormai qualche anno si sta imponendo
non solo per la sua
offerta culturale e turistica,
ma anche e soprattutto per
una proposta gastronomica
che del chilometro zero e
delle produzioni di qualità
sta facendo la sua bandiera
gastroalimentare.

«Abbiamo deciso di fare
rete – continua il sindaco
Lopane – di vivere realmente
il bisogno di una strategia
comunicativa comune che
metta insieme le risorse e
aumenti la forza propositiva
di piccoli comuni che hanno
grandi storie da raccontare».
È per questo che dal 3 al
6 giugno arriveranno nei
cinque comuni alcuni giornalisti
espressione di testate
nazionali che si occupano
di turismo e che avranno
la possibilità di scoprire
le opportunità offerte da
questa porzione di Puglia
che, in vista di Matera 2019,
vuole ricoprire un ruolo da
protagonista nelle politiche
dell’accoglienza e del turismo
di qualità».

Bell’Italia, Plein Air, Il Giornale,
Dove viaggi del Corriere
della Sera, le telecamere di
Mediaset e Rai oltre a un
importante tour operator
nel settore luxury, saranno
ospiti per tre giorni per un
racconto nuovo di questa
terra straordinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche