19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 07:17:57

Provincia

Itn, parte il confronto. I sindacati: Più qualità


MARTINA F. – Regione, Comune, sindacati ed azienda. Tutti attorno ad un tavolo per cercare di disegnare il futuro della Itn, l’industria tessile di Domenico Nardelli entrata in crisi e che ha già messo in cassa integrazione i suoi 129 lavoratori. C’è un anno di tempo per studiare le contromosse alla chiusura definitiva. Una strategia è già sul tavolo delle trattative. L’idea è quella di impiegare gli stessi lavoratori in un progetto di imprenditorialità diretta, probabilmente una cooperativa. “Ma bisogna puntare sulla qualità e non sulla quantità!” Questo il monito lanciato ieri da Giuseppe Massafra della Filctem Cgil durante l’incontro, promosso dall’Amministrazione Comunale, in cui hanno partecipato la Società Itn spa con il suo procuratore Domenico Nardelli accompagnato dal consulente Dr Antonio Antonasi, i lavoratori, la Regione Puglia rappresentata dal componente della task force per lo sviluppo avv. Giuseppe Recchia, l’assessore comunale alle attività produttive Nunzia Convertini e il sindaco Franco Ancona.

“La questione Itn – ha detto Massafra – è giunta ad un punto di svolta grazie all’impegno e alla passione che i lavoratori hanno messo nel rivendicare il diritto al lavoro e a non disperdere un capitale di competenze e di esperienza. Per questo motivo la scelta di tentare la strada della responsabilizzazione attraverso la costituzione di un nuovo soggetto economico dovrà, riteniamo, essere sostenuto sia dalle Istituzione che dall’azienda, che ha una responsabilità specifica, puntando a salvaguardare la qualità del lavoro che gli operai Itn sapranno mettere in campo e che hanno garantito all’azienda un così importante posizionamento a livello nazionale e internazionale. Sarà la qualità a essere la misura della valutazione del successo dell’impresa e non la mera quantità, sia essa determinata dal numero di capi prodotti o dal costo del lavoro”. A settembre nuovo confronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche