Provincia

«Fototrappola per gli sporcaccioni»

«Necessario lo street control»


“E’ necessario installare street control e fototrappola per incastare chi abbandona i rifiuti” . Sulla questione ambientale a Pulsano interviene il consigliere comunale Angelo Di Lena.
“Come potete vedere in paese il numero dei cassonetti bruciati ormai non si contano più- dice il vice presidente della quinta commissione Ambiente- così come i cumuli di rifiuti di ogni tipo ammassati in modo disordinato fuori dai cassonetti. La situazione è ormai fuori controllo.
E così, mentre il Comune pensa solo ad una campagna di sensibilizzazione sulla raccolta dei rifiuti, i piromani ed i cittadini esasperati dalla cattiva gestione dei rifiuti incendiano i cassonetti. Tutto ciò non è più tollerabile! E’ necessario migliorare il servizio sotto tutti i punti di vista, da un lato rendendo più efficiente il sistema di raccolta della spazzatura in modo che i cassonetti siano puliti più spesso (specie l’ estate) dall’altro introducendo sistemi di controllo efficaci contro i trasgressori. Le opzioni che intendo sottoporre in Comune con una mozione sono due.- prosegue Di Lena- da un lato montare delle microcamere sulla autovetture della polizia municipale di Pulsano che si aggirano pronte a immortalare i trasgressori dei rifiuti. Il cd steet control che verrà fatto utilizzando ovviamente due vetture “civetta” della polizia municipale con a bordo agenti in borghese le quali attraverserebbero le zone periferiche di Pulsano pronte a riprendere con particolari dispositivi di telecamere mobili sistemati nell’abitacolo quello che accade all’esterno, a caccia degli incivili che conferiscono rifiuti fuori orario o lasciando materiali ingombranti per terra fuori dai cassonetti. Dall’altro, per rendere il sistema ancora più efficiente ritengo necessario introdurre anche “sistemi di fototrappole” installate dal Comune in diversi punti del paese contro piromani e trasgressori. Nell’ambito delle attività di controllo effettuate dalla polizia municipale su tutto il territorio cittadino contro l’abbandono dei rifiuti sarà così possibile riprendere e multare le persone sorprese in flagrante ed identificate comminando multe per violazione del Testo unico dell’ambiente in caso di abbandono di rifiuti. Le fototrappole nelle zone interessate dagli incendi e dallo scarico selvaggio di materiali di ogni sorta -conclude- sono di fatto l’unico modo per scoraggiare in partenza chi pensa di poter derogare al corretto conferimento abbandonando rifiuti nelle nostre zone costiere o di campagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche