Provincia

Decoro urbano, ecco le prime segnalazioni


MARTINA F. – Pochi giorni e già tante segnalazioni. Dal 3 agosto scorso il Comune di Martina Franca risulta tra quelli attivi, e quindi iscritti, al sito www.decorourbano.org attraverso il quale i cittadini possono segnalare disservizi, disagi e degrado che riguardano il territorio. Ebbene, cliccando sulla sezione relativa al territorio di Martina Franca sono già più di trenta le segnalazioni giunte, segno di un evidente stato di disagio in cui i martinesi vivono e soprattutto della voglia di collaborare con l’amministrazione per cercare di risolvere i mille problemi del territorio. L’8 agosto Giuseppe scriveva: “Basta con queste corse automobilistiche, soprattutto nelle ore serali, auto e moto che non danno precedenza ai pedoni sulle strisce pedonali.

Chiediamo delle isole rialzate in modo da rallentare i veicoli” riferendosi a via Taranto. Il 24 agosto Mario segnala “l’illuminazione spenta da tre notti in via Sant’Eligio”. Il 25 agosto Piero evidenziava la “mancanza di segnaletica stradale (strisce pedonali e stop sul manto stradale), all’incrocio tra via della Sanità e via M. D’Enghien”. Ancora scarti edili sulla strada Papadomenico; inerti edili, amianto e rifiuti voluminosi sulla strada Traversa, con tanto di fotografie che evidenziano lo stato di degrado assoluto della zona attorno alla provinciale 53. “Strano oggetto ingombrante (forse un vaso in cemento) abbandonato vicino al bidone della spazzatura” sulla provinciale 56 in contrada Carpari. “Lastre di eternit, pneumatici e inerti da demolizione” sulla strada Finimondo. Insomma un mare di segnalazioni. Alcune delle quali hanno già trovato soluzioni come quella di Filippo che segnalava alcune buche sulla strada Porcile. Insomma segnalazioni e suggerimenti utili all’amministrazione comunale che, avendo aderito a decoro urbano, ora dovrà tenere fede all’impegno assunto con i cittadini di tutelare il territorio dall’abbandono dei rifiuti, dalla manutenzione stradale, dai servizi pubblici ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche