12 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 06:11:00

Provincia

Un eroe dei giorni nostri

La villa comunale intitolata al carabiniere Angelo Spagnulo


Un eroe dei giorni nostri. Intitolata la villa comunale alla memoria del carabiniere scelto Angelo Spagnulo In un’atmosfera sobria, composta e raccolta, le massime autorità civili e militari della provincia di Taranto, insiene ai famigliari di Angelo, ad alcune scolaresche e ai cittadini di di Monteiasi, hanno reso omaggio al giovane carabiniere ucciso mentre tentava di difendere una ragazza dalle molestie di un rapinatore. Al termine di un percorso fortemente voluto e condiviso sia dall’Arma dei Carabinieri che dal Comune di Monteiasi, ha avuto luogo la cerimonia ufficiale d’intitolazione alla memoria di Angelo, della locale villa vomunale, luogo di aggregazione per tutti i cittadini di Monteiasi. La cerimonia è iniziata con la celebrazione della Santa Messa officiata da don Antonio Papagni, parroco della locale chiesa, cui hanno fatto seguito gli interventi del sindaco, Panunzio Grottoli e del comandante provinciale dei Carabinieri, Colonnello Andrea Intermite.
Molto toccanti le parole del primo cittadino che ha ripercorso le tragiche circostanze in cui Angelo rimase ucciso rimarcando il pieno l’essere carabiniere del giovane concittadino, al quale peraltro era legato da vincoli di parentela.Sentito e profondo l’intervento del colonnello Intermite che ha posto in ’evidenza le elevatissime qualità morali di Angelo nella duplice veste di uomo e carabiniere, esempio di generosità e disponibilità al servizio del prossimo.
A seguire c’è stato lo scoprimento della parete della tribuna antistante gli impianti sportivi della villa, dove sono stati dipinti il nome ed il cognome di Angelo, a certificare ancor più l’intitolazione. Infine il momento solenne dello scoprimento e della benedizione della targa marmorea con la dedica cittadina posta all’ingresso della villa comunale. La cerimonia, svoltasi alla presenza di un picchetto armato, resa solenne con gli onori a tutti i caduti, a suggellare il dovere della memoria, è stata inoltre un richiamo alla legalità ed alla solidarietà. L’elevata partecipazione cittadina, il raccoglimento e la palpabile commozione che hanno contraddistinto l’evento sono la concreta dimostrazione di come Angelo, malgrado il tempo trascorso, non sia mai stato dimenticato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche