15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 19:30:02

Provincia

Gli ambulanti: “Il bando per i 33 posteggi è da revocare”


MARTINA F- Una revoca in autotutela o andiamo in tribunale. E’ perentoria la lettera che ieri il persidente dell’Acaf (associazioni commercianti ambulanti frutta), l’avv. Martino Bruno ha protocollato al Comune. La questione riguarda il bando che l’amministrazione ha fatto pubblicare per l’assegnazione di 33 posteggi nei nuovi mercati rionali di via Olindo Ruggieri, via Gramsci, via Fratelli Griffi, nell’area antistate la chiesa Divino Amore e in contrada Montetullio. Un bando che l’Acaf considera “iniquo e discriminante”. Perchè? Domandiamo al presidente Bruno. “Perchè ci sono differenze nelle metrature degli stalli. Uno solo da 120 metri quadrati, ed uno solo da 70 metri quadrati che rischiano di creare una concorrenza discriminatoria tra gli ambulanti”.

Ma non esiste una graduatoria? “Sì, ma nel bando non viene specificato chi ha diritto a quei posteggi. In una dicitura si fa riferimento solo al fatto che a chi è stato soppresso il posteggio in altre aree avrà diritto di prelazione. Questo significa che il primo potrà scegliere lo spazio che ritiene più conveniente ed idoneo alla sua attività. E quindi probabilmente quello da 120 metri quadrati, togliendo la stessa opportunità agli altri”. C’è un ricorso al Tar che ha già fatto discutere ed è quello dell’ambulante che si è visto smantellare il proprio banco in piazza d’Angiò. Potrà quindi avere diritto di prelazione? “Probabilmente”. Cosa chiedete al Comune? “Di revocare in autotutela il bando o di modificarlo rendendo omogenei i posteggi per evitare discriminazioni. Oppure si adottino criteri differenti a seconda della tipologia dell’attività mercatale perchè è chiaro che chi vende angurie può aver bisogno di più spazio. Ma questo non bando non c’è. Non si fa alcuna differenza”. Se il Comune dovesse decidere di non modificare il bando? “La questione tornerà ad essere oggetto di attenzione della magistratura. Ci sono tutti i presupposti per ottenere la sospensiva. C’è tempo fino al 30 ottobre, ovvero fino a quando saranno raccolte le adesioni”.

M.D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche