Provincia

​Assunzioni al Comune, c’è l’archiviazione​

Era finito sotto accusa Martino Tamburrano


MASSAFRA – Disposta l’archiviazione del procedimento
relativo a 28 assunzioni al Comune di
Massafra.

Il giudice per le indagini preliminari, Vilma Gilli,
ha accolto la tesi del pubblico ministero, secondo
il quale non vi è reato per difetto del dolo.
I fatti risalgono al 19 novembre 2015, quando la
giunta municipale di Massafra, guidata dall’allora
sindaco Martino Tamburrano, deliberò
l’assunzione di 28 dipendenti comunali a tempo
indeterminato.
A supporto di tale provvedimento la giunta ai era
avvalsa del parere del professor Aldo Loiodice
per superare gli effetti del Decreto del Presidente
della Repubblica n. 5253/2011 che aveva annullato
una serie di atti e anche la precedente assunzione
di quei 28 dipendenti. Ne era scaturito un procedimento
penale, ma il pubblico ministero aveva
chiesto l’archiviazione del caso.
Alla richiesta di archiviazione si era opposto un
cittadino che invece chiedeva il rigetto della stessa
richiesta di archiviazione e l’imputazione coatta
degli indagati.

Il giudice ha però ritenuto inammissibile l’opposizione
alla richiesta di archiviazione in quanto il
denunciante non riveste il ruolo di persona offesa.
Nel merito, il gip ha condiviso l’assunto del
pubblico ministero perché la delibera di giunta
municipale era sorretta da un parere tecnico che
indicava come legittima la sospensione degli effetti
del Dpr 5253/2011. Legittime, quindi, quelle
assunzioni.
La notizia di reato è dunque risultata nel merito infondata.
Di qui l’archiviazione del procedimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche