02 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 01 Dicembre 2021 alle 20:15:00

Provincia di Taranto

La ciclovia dell’Aqp passa dalla valle d’Itria


MARTINA F. – Dal prossimo anno disponibili i primi dieci chilometri della nuova ciclovia. Acquedotto Pugliese ha avviato i lavori per la realizzazione di una ciclovia sul Canale Principale, la condotta centenaria che trasporta l’acqua del Sele in Puglia. Lo hanno annunciato oggi nel corso di una conferenza stampa l’Assessore alla Mobilità della Regione Puglia, Guglielmo Minervini e l’Amministratore Unico di Acquedotto Pugliese, Ivo Monteforte. Lo storico “fiume nascosto” della Puglia che attraversa ambienti unici e suggestivi contraddistinti da macchia mediterranea e dalle tipiche costruzioni coniche, i trulli, sarà quindi a partire dal prossimo anno anche fruibile per passeggiate a piedi e in bicicletta.

Un progetto che sostiene un turismo diverso, eco-sostenibile e rispettoso della storia e dei luoghi interessati. I lavori appaltati interessano il tratto compreso tra Cisternino e Ceglie Messapica, per un totale di circa 10 chilometri, e rappresentano il primo stralcio di un grande sistema della ciclovia dell’Acquedotto che interesserà, nella sua versione definitiva, oltre 250 Km di sentieri. L’intervento si sviluppa sulla strada di servizio dell’Acquedotto Pugliese da Figazzano, frazione del comune di Cisternino, in corrispondenza dell’incrocio sulla Via dei Trulli e fino all’incrocio della SP 3bis Martina Franca – Ceglie Messapica nel comune di Ceglie Messapica. I ponti canale interessati sono cinque. Si tratta di opere di particolare significato idraulico, in quanto permettono di superare tratti con incisioni morfologiche o vallate e garantire una pendenza adeguata al sistema, ma anche di importante valore architettonico, consentendo una visione suggestiva e panoramica della valle d’Itria. Il costo complessivo dell’intervento per la valorizzazione di questo primo tratto, interamente finanziato dalla Regione Puglia, ammonta a 2,4 milioni di Euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche