28 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2021 alle 18:20:00

Provincia di Taranto

Il Comune rivuole via Trento, pronti gli atti


MARTINA F. – “Di riffa o di raffa noi ci riprenderemo via Trento”. Il vicesindaco Pasquale Lasorsa non ha dubbi ed ha già gli atti pronti. Ad agosto è stata predisposta l’occupazione acquisitiva dell’area che da quattro anni ormai sta facendo tribolare l’amministrazione comunale. Nel 2008 la ribellione dei residenti che si sono visti restringere la strada ad imbuto con conseguenti difficoltà di circolazione e di parcheggio. Nel 2010 l’amministrazione Palazzo dispose l’occupazione dell’area per la quale l’ex dirigente ai Lavori Pubblici, Simone Ceppaglia ora si trova sotto processo. Per lui il pm Bruschi ha già chiesto il rinvio a giudizio e l’udienza preliminare dovrebbe esserci il 20 novembre prossimo. Ma c’è un’altra sentenza che tiene col fiato sospeso l’attuale amministrazione.

E’ quella del Tar per il ricorso che la società Lucarella ha presentato impugnando il dispositivo del Comune firmato da Ceppaglia. “Il tribunale amministrativo – spiega l’assessore Lasorsa – avrebbe già dovuto esprimersi a fine luglio. C’è un ritardo nel rilascio della sentenza che attendiamo per poter mettere in atto l’occupazione acquisitiva. Se il Tar ci darà ragione già il giorno dopo entreremo in possesso di quelle aree che servono a dare vitalità a via Trento. E’ una questione di sicurezza pubblica perchè così come è strutturata oggi, la via è angusta e pericolosa”. Il contenzioso tra il Comune e la società si trascina ancora, dunque. “La passata amministrazione avrebbe potuto avvalersi del diritto di usucapione – punzecchia Lasorsa – invece ha concesso l’area ai privati, togliendola ai cittadini. Ma noi ce la riprenderemo. Anche se dal Tar uscirà parere negativo. Troveremo altre strade da percorrere perchè quella fetta di strada torni alla fruizione pubblica”. Non ci sono dubbi, quindi l’amministrazione Ancona rivuole via Trento e farà il possibile per garantire la sicurezza pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche