28 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2021 alle 17:57:00

Provincia di Taranto

Benzinaio in gravina. Bloccati i lavori


MASSAFRA – Non c’è autorizzazione paesaggistica. Stop ai lavori nella gravina Madonna della Scala. Il Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici blocca gli interventi per la realizzazione di un distributore di carburante sulla strada provinciale che collega Massafra a Martina Franca. Un’area nei pressi della via del Santuario ed a pochi metri dalle abitazioni. Era il 13 settembre quando, con una prima missiva, la Soprintendenza poneva dubbi sull’esecuzione dell’intervento che già in consiglio comunale aveva fatto discutere. Realizzare una stazione di benzina a pochi metri dalle case, nel cuore della gravina e per di più a due passi dal Santuario è apparso assurdo per i gruppi di opposizione che, in aula, si sono ribellati al regolamento comunale che disciplina, appunto, le nuove aree di servizio.

Ma torniamo ad oggi. Il Soprintendente scrive nuovamente al sindaco ed all’ufficio tecnico del Comune per far notare che “in area sottoposta a vincolo paesaggistico sarebbero stati abbattuti ulivi secolari per la realizzazione di un distributore di carburante”. Nel richiamare l’attenzione sulla legge regionale 14/2007 che tutela gli ulivi secolari, il Soprintendente invita “a voler fornire notizie in merito e a voler sospendere ogni eventuale lavorazione in atto in assenze di autorizzazione paesaggistica ai sensi dell’art. 146 del decreto legislativo 42/2004”. In altre parole: fermate tutto. Le intenzioni del Soprintendente erano già state esplicitate a metà settembre quando, in un’altra missiva indirizzata al Comune, si chiedevano chiarimenti circa lo “sbancamento” dell’uliveto secolare. Verificata la presenza del vincolo paesaggistico e quindi l’assenza della dovuta autorizzazione si dispone il blocco ai lavori. Un intervento che, quindi, al momento rafforza le ragioni illustrate anche dall’archeologo Giulio Mastrangelo circa la tutela paesaggistica e la sicurezza pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche