23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 12:23:14

Provincia

Fogna, più igiene e telecamere per il centro storico


GROTTAGLIE – Più igiene, una rete fognaria e telecamere di videosorveglianza. Sono alcune delle richiesta che i residenti del centro storico hanno direttamente inoltrato al sindaco Ciro Alabrese che sabato sera, in un’affollatissimo largo D’Alessandro, ha accolto l’invito rivoltogli dal gruppo di Sud in Movimento per iniziare un confronto diretto con i cittadini. L’associazione che in consiglio comunale è rappresentata dal capogruppo Ciro D’Alò, in un precedente incontro, aveva già raccolto le istanze dei cittadini che risiedono nel centro storico e che lamentavano principalmente uno stato poco decoroso di quello che è il cuore della città delle ceramiche.

Igiene e carenza di servizi, anche primari come la fogna, rendono la qualità della vita di quella fetta di città insoddisfacente per chi ci risiede. Per quasi due ore il sindaco è stato “travolto” dalla folla (c’è chi ha contato un centinaio di persone) che lamentava il degrado, la mancanza d’igiene e la “poca efficienza” degli operatori ecologici come qualcuno ha detto; abitazioni abbandonate adibite a discarica e determinati punti utilizzati come latrina. Per continuare con le problematiche della scuola adiacente al centro storico, le strade dissestate, alberi abbattuti, aiuole sporche e non curate, randagismo e bullismo. Al sindaco, quindi, sono stati chiesti interventi mirati per la soluzione di problemi che si trascinano da tempo. “Il primo cittadino ha ascoltato tutto ciò – osservano gli organizzatori dell’incontro – promettendo in primis rapide soluzioni alla situazione igienica del centro storico e, di conseguenza, la risoluzione di problematiche più complesse (come ad esempio la rete fognaria) senza escludere spot alla maggioranza sull’installazione di telecamere collegate alla polizia in tutta la città”. Impegni su cui Sud in Movimento vigilerà. L’associazione, infatti, dà già appuntamento al sindaco e ai cittadini per il prossimo mese di marzo quando torneranno a fare il punto della situazione “per poter constatare – dicono – se le promesse fatte verranno rispettate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche