18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 14:47:29

Provincia

Imu in aumento. Mariella: “C’è un doppio pasticcio in delibera”


MARTINA F. – C’è un doppio pasticcio nella delibera del 31 ottobre scorso con la quale il consiglio comunale ha approvato le nuove aliquote Imu. Al punto 2 del deliberato si legge: aliquota ordinaria aumentata di 1,5 punti percentuali in piu rispetto all’aliquota base e aliquota abitazione principale e relative pertinenze applicazione aliquota base. Due errori grossolani che potrebbero minare la validità del provvedimento. A rilevarli è Franco Mariella, ex consigliere comunale e candidato sindaco alle ultime elezioni della scorsa primavera.

“Pasticcio più grande non potevano farlo per entrambe le aliquote – spiega. La norma (comma 6 art. 13 D.L. 201/2011), per gli immobili diversi dall’abitazione principale, recita: l’aliquota di base dell’imposta è pari allo 0,76 per cento. I comuni con deliberazione del consiglio comunale possono modificare, in aumento o in diminuzione, l’aliquota di base sino a 0,3 punti percentuali. Nella sostanza l’aumento del 1,5% non è possibile in quanto va oltre il limite del 0,3% posto dalla legge, per cui l’aliquota fissata dal consiglio dovrebbe essere quella massima consentita cioè l’1,06% (10,60 per mille). Il Consiglio Comunale altro pasticcio lo combina quando anche per l’abitazione principale usa la locuzione aliquota base. L’aliquota base come detto è dello 0,76% mentre la norma (comma 7 dello stesso articolo) indica l’aliquota ridotta allo 0,4% modificabile in aumento o diminuzione sino a 0,2 punti percentuali”. Ma non basta perchè ci sarebbe un terzo “pasticcio” che potrebbe portare all’annullamento della delibera per difetto di motivazione. “L’ultima parte del comma 12-bis dell’art. 13 D.L. 201/2011 recita: entro il 31ottobre 2012, sulla base dei dati aggiornati, i comuni possono approvare o modificare il regolamento e la deliberazione relativa alle aliquote e alla detrazione del tributo. Il 15 ottobre sul portale del federalismo fiscale (sito finanze.gov.it) è stato pubblicato un aggiornamento dei dati di stima del gettito Imu 2012 per ogni Comune. “Nella delibera del Consiglio comune di Martina Franca – insiste Franco Mariella – non vi è alcun riferimento a dati, né del Ministero delle Finanze, né del Comune. Sulla base di cosa i consiglieri di maggioranza hanno votato la delibera? Sulla base di cosa sono state stimate le entrate Imu? Martina non può inserire nel bilancio un fondo dirigenti di circa 600.000 euro e fare delibere simili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche