21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 09:30:12

Provincia

Tasse e tagli, “Così sanno amministrare tutti”


SAN GIORGIO – Tasse che aumento, tagli del salario accessorio ai dipendenti comunali, investimenti perduti e sprechi. Argomenti che sono stati il filo conduttore della conferenza stampa indetta dai rappresentanti locali della Destra e dei Popolari San Giorgio. Arcangelo Alfeo e Lucia Di Molfetta sono partiti all’attacco dell’amministrazione comunale contestando alcune recenti scelte amministrative. In primo luogo l’aumento della pressione fiscale: più Imu, più Irpef, più Tosap, più mense scolastiche e scuolabus. “Un assessore della giunta Grimaldi – ha detto De Molfetta – attraverso la pagina di un social network mi ha scritto che io non ho ben chiara la situazione delle casse comunali e che già “cercare” di fare l’ordinario in questo periodo è una “cosa straordinaria”.

Allora io dico che con la macelleria sociale attuata da questa amministrazione di centrosinistra e con la tiritera del sindaco che dice che non ci sono soldi, l’unica cosa straordinaria è la delibera 185 del 18 novembre scorso con la quale il Comune fa una concessione di patrocinio oneroso di 10 mila euro per la realizzazione di un cortometraggio sul territorio. Altri 10 mila euro di sperpero che si vanno ad aggiungere ad altri sperperi che ci riserviamo di enunciare nei prossimi giorni. E poi smettiamola di far sembrare straordinarie le cose di normale amministrazione. Io chiedo al sindaco ed alla sua amministrazione, ma anche alle opposizioni che sono in Consiglio quali sono per le priorità dei cittadini? Hanno aumentato tutto! Così chiunque è capace di governare. Dove sta allora la nuova primavera promessa dal sindaco in campagna elettorale? Più che primavera si tratta di inverno siberiano per San Giorgio”. Sul piatto delle accuse anche il depuratore di Faggiano che continua ad invadere di reflui le terre degli agricoltori sangiorgesi ed un progetto per la realizzazione in contrada San Giovanni di un’acquapark. “Sul primo argomento invito il sindaco a fare chiarezza visto che aveva annunciato interventi tempestivi” ha detto Alfeo che, intanto, mostra il documento con il quale la Selimex Food SRL, un’azienda di Bolzano, aveva fatto richiesta per costruire un parco acquatico. “Anche se non lo specificava – puntualizza Alfeo – per chiare strategie commerciali, l’azienda parla di una struttura di 44 ettari. Una cosa stupenda per il territorio. Ancora una volta chiedo che il sindaco faccia chiarezza, ma realmente perché questo documento attesta che la Selimex aveva fatto richiesta per realizzare questa struttura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche