MARTINA F. – La città ed il suo immenso patrimonio culturale nella rete delle “Dimore storiche”. Domenica scorsa il presidente regionale dell’associazione che si occupa della tutela e conservazione delle dimore storiche italiane, Giuseppe Seracca Guerrieri è stato in città per visitare alcune delle sale affrescate del Palazzo Ducale. Un incontro informale che apre le porte di Martina Franca al circuito nazionale delle dimore storiche. Nella prossima primavera, infatti, in occasione della giornata nazionale delle dimore storiche, programmata per il 25 e 26 maggio, tornerà l’iniziativa “Palazzi, cortili e chiostri aperti” che nei giorni del 29 e 30 settembre scorsi ha visto Martina Franca protagonista per la giornata europea del patrimonio storico.

L’assessore alla Cultura, Antonio Scialpi ha fatto da cicerone alla delegazione pugliese dell’associazione che, nata a Lecce, si è estesa velocemente su tutto il territorio nazionale per garantire la tutela e la valorizzazione del ricco patrimonio culturale del Paese. “Quella di domenica scorsa – riferisce l’assessore – è una visita certamente qualificante per la nostra città perchè consente al nostro patrimonio storico-architettonico di avere un grande punto di riferimento ed un osservatorio nazionale anche ai fini della valorizzazione dei beni culturali pubblici e privati di cui Martina Franca è ricca. Dopo l’inziativa molto apprezzata di settembre apriremo al pubblico altri cortili, palazzi e chiostri che saranno visitabili”. Intanto in occasione del Natale l’amministrazione comunale ha rinnovato la convenzione con l’Ecomuseo della Valle d’Itria per rendere fruibili le sale del Palazzo Ducale. L’iniziativa che ha registrato la partecipazione di un copioso numero di visitatori torna per animare le festività natalizie. Al momento, ci speficica l’assessore Scialpi, le sale sono visitabili negli orari di apertura al pubblico degli uffici allocati nel Palazzo Ducale ma da questo fine settimana anche il sabato, la domenica e nei festivi resteranno aperte per constire a quanti arriveranno nella nostra città anche per le numerose altre iniziative in programma, di apprezzare i meravigliosi affreschi restaurati delle sale nobili del Palazzo Ducale”.

M.D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche