05 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 05 Agosto 2021 alle 05:58:00

Provincia di Taranto

“Una banda di ladri sta terrorizzando gli anziani in città”


MARTINA F. – Cinque furti in un solo giorno. E’ accaduto la scorsa settimana. Un dato che conferma le paure degli anziani che risiedono soprattutto nel centro storico. C’è uno strano fenomeno che un cittadino denuncia anche dalle pagine di facebook. “Alcune persone a me care che abitano nel centro storico – scrive – sono stanche di assistere ai continui furti nelle case dove persone anziane, a volte anche sole in casa, sono preda di ladri senza scrupolo che le derubano dei loro beni”. La paura è talmente diffusa che molti anziani hanno timore persino ad uscire da casa anche semplicemente per andare a messa.

“Esiste una banda di ladri che sta terrorizzando gli anziani in città” conferma il signor Carmelo che sempre dalle pagine di facebook annuncia la volontà di scrivere al prefetto Claudio Sammartino per potenziare i controlli. Il suo primo appello, però, è rivolto anche alle forze dell’ordine ed agli amministratori locali. “Il sindaco Ancona – dichiara – fa sapere che presto verrà inaugurata una nuova sede del comando dei vigili urbani in piazza M. Immacolata. In pieno centro storico. Ma non basta, perchè sono i controlli che vanno potenziati”. Tanti, forse anche troppi i casi di furti in appartamento già verificatisi, con e senza gli anziani presenti. “Per fortuna finora nessuna conseguenza grave – osserva il signor Carmelo – ma la gente ha paura. Si tratta per lo più di persone anziane. Mi è stato raccontato che entrano in casa incappucciati. In uno degli ultimi casi hanno portato via quasi ottomila euro che un’anziana signora teneva in casa per lavori di ristrutturazione che stava per far eseguire. Una volta hanno dimenticato anche le chiavi della macchina. Insomma il fenomeno esiste ed è grave. Serve intervenire ed al più presto”. Anche una raccolta di firme potrebbe partire nelle prossime settimane proprio per cercare di sensibilizzare istituzioni e forze dell’ordine ad agire prima che sia troppo tardi. Purtroppo il fenomeno non interessa solo Martina Franca. Ma anche l’altro versante della provincia ionica grida aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche