25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 12:51:42

Provincia

La promessa di Tamburrano: ora il Pug


 

MASSAFRA – Fine Anno. E’ tempo di bilanci.  Il sindaco Martino Tamburrano stamattina ha voluto incontrare i giornalisti per illustrare quanto è stato fatto nel 2012, ma anche per annunciare nuovi propositi per l’anno alle porte.  Per chi amministra – ha detto – ogni anno, ogni mese, giorno, minuto o secondo rappresentano un impegno, un atto di cui dover dar conto alla collettività intera”.

 

Un bilancio, quello del 2012, fatto di difficoltà, ma anche di successi.  “Prima di ogni cosa -ha aggiunto Tamburano – desidero ricordare che è stato l’anno della mannaia sui trasferimenti locali e dell’imposizione del “quasi autofinanziamento”, come l’Imu, tanto per citare la più nota delle tassazioni. Ma nel 2012 hanno visto la luce importanti concretizzazioni. Nel settore dei Lavori Pubblici e Urbanistica è stata realizzata la necessaria rotatoria di Via la Rotonda, mentre sono stati avviati i PIRP con il rifacimento di tratti stradali in Via Muro e Via V. Veneto. E’ stata bonificata e riqualificata la foce del Fiume Patemisco. E’ stata istituita la Commissione delle Pari Opportunità ed è stato avviato il Progetto C.A.S.A., “Custodia e Assistenza Sociale per gli Anziani”, uno dei pochi nel Sud-Italia, che prevede il monitoraggio della situazione complessiva della popolazione, nell’ottica della prevenzione sociale e della conoscenza dei bisogni sanitari inespressi legati alla condizione dell’anziano.
La città è stata resa più sicura grazie all’installazione della videosorveglianza. Nel settore ambientale sono stati fatti grossi passi in avanti con l’avvio della raccolta differenziata “spinta” nel Centro Storico e con la bonifica ambientale di aree ridotte a discariche. Sempre a proposito di rifiuti, la famigerata Tarsu è stata riportata al tributo del 2010”.

Tra gli impegni futuri, invece, la presentazione del Pug. “Grande leva – ha detto – per lo sviluppo economico della città e realizzazione di un sogno, per molti cittadini, chiamato casa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche