29 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2020 alle 16:10:37

Provincia

Nel centro storico di Grottaglie scatta l’emergenza-spazzatura


GROTTAGLIE – Riflettori ancora puntati sul centro storico di Grottaglie, completamente abbandonato. Dopo le denunce di residenti e politici, una nuova segnalazione arriva, questa volta, dall’ingegner Antonello Sergi, che vive proprio nel borgo antico.

 

“Il centro storico é una latrina. Con cassonetti stracolmi di rifiuti e sacchetti della spazzatura abbandonati per strada. Il senso civico dei residenti é assente, quanto i controlli e l’interesse dell’amministrazione – spiega Sergi. Ho più volte segnalato al Comune il problema dei cassonetti e dei rifiuti, che vengono gettati anche negli orari non consentiti, creando molti disagi, soprattutto in estate. Il tutto senza che ci sia alcun tipo di controllo da parte della Polizia Municipale”.

 

La raccolta differenziata al centro storico é assente e, come si può vedere anche nella foto accanto, i cassonetti sono stracolmi e circondati dai rifiuti.

“Oltre a questo – aggiunge Sergi – i numerosi cani randagi che ci sono nel centro storico, riescono a lacerare i sacchetti abbandonati a terra e quindi si crea altra sporcizia. I residenti se trovano il cassonetto pieno, lasciano comunque i sacchetti a terra. Il cassonetto indica solo il punto di deposito e rappresenta una potenziale discarica. Ma lasciare la spazzatura nei pressi del cassonetti, equivale ad abbandonarla per strada”.
Diversi i problemi che attanagliano il centro storico. Tra questi, la sporcizia tra i vicoli é quello che più balza agli occhi.

 

“Sul sito del Comune di Grottaglie – aggiunge l’ingegner Antonello Sergi – c’è una planimetria in cui sono indicate le posizioni in cui dovrebbero essere posti i cassonetti, invece così non è, ce ne sono molti di più. Ma la raccolta differenziata non viene fatta e tutto é lasciato alla libera iniziativa dei cittadini. Non c’é rispetto nemmeno da parte dei residenti. Per non parlare poi del problema del traffico delle auto, visto che nel centro storico é necessaria una zona a traffico limitato per i residenti. La viabilità é limitata, ma circolano moltissime macchine”.
Insomma un quartiere di cui gli stessi amministratori si vantano, ma che di fatto é impresentabile. Servono interventi ed attenzione da parte degli amministratori, per valorizzare quello che potrebbe essere il gioiello della città, invece é diventato un borgo abbandonato e un ghetto per stranieri.

 

La mancanza d’igiene, le latrine, le strade dissestate, le chianche sconnesse, gli avanzi di cibo vicino ai cassonetti stracolmi, il transito illimitato di auto, i muri imbrattati, la fogna assente, le auto incendiate tra le i vicoli, sono solo alcuni dei problemi che certamente non sono un bel biglietto da visita per una città delle ceramiche che vorrebbe puntare molto sul turismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche