27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 21:58:00

Provincia di Taranto

Gli ex docenti del Moscati: “il tempo passa ma nessuna soluzione”


GROTTAGLIE – Riflettori ancora puntati sul problema delle aule al liceo Moscati. Questa volta a riaccenderli sono gli ex docenti dell’istituto: i nomi che hanno fatto la storia di un Liceo che é ancora in crescita. Scrivono una lettera al sindaco, chiedendogli di tornare sulla proposta di destinare il piano terra dell’edificio di via Ennio al Liceo.

 

“Il tempo passa senza e ancora non siamo arrivati a nessuna soluzione concreta – spiega Mimmo Annicchiarico, docente del Moscati e presidente dell’associazione “Amici del Moscati”. E’ difficile seguire il alletto delle dichiarazioni. Noi speriamo che il sindaco ci risponda con i fatti”. Venti i firmatari della lettera ad Alabrese: sono i professori Michelangelo Annese, Cosimo Annicchiarico, Tiziana Bindo, Maria Corallo, Maria Coviello, Vincenzo D’Alò, Pasquale De Biase, Silvano Fabianelli, Carmine Galeandro, Oronzo Lacava, Oronzo Longo, Cosimo Lupo, Cosima Marseglia, don Cosimo Occhibianco, Anna Maria Palmisano, Cira Rissante, Pasquale Santoro, Pasquale Strippoli, Angela Traversa e l’ex preside Pietro Lucchese. Scrivono al sindaco con l’interesse e la consapevolezza che anche se si va in pensione, quella scuola resta la loro storia.

“Sono passati quarant’anni di parole dette, lette o ascoltate sulla necessità di dotare di un’unica idonea sede propria il Liceo Moscati – scrivono gli ex docenti. Di parole ne sono state profuse in copiosissima abbondanza da un’infinità di soggetti e in tutte le varianti. Per assicurare alle famiglie che vogliono iscrivere i propri figli al Liceo di Grottaglie, faccia la sola cosa in grado di risolvere, almeno fino alla tanto sospirata costruzione della sede unica, buona parte dei problemi in essere al Moscati, torni sulla proposta, peraltro, prospettata e sostenuta in recenti atti e dichiarazioni sue, ufficiali e informali, di destinare l’intero piano terra dell’edificio di Via Ennio ad aule del Liceo Moscati, assicurando i locali necessari ad ospitare le nuove classi nel rispetto dei parametri di sicurezza imposti dalle leggi vigenti, chiudendo il tempo del rimbalzo di competenze istituzionali e di bilancio con la Provincia e recedendo dalla successiva incomprensibile decisione di riservare quegli spazi ad altra scuola. Ventilate ipotesi diverse francamente appaiono posticce toppe peggiori del buco e, più che soluzioni, si rubricano come insufficienti e inefficaci tentativi di terapie placebo, pensate per diagnosi infauste. Se vuole porre un argine all’allarmismo di questi giorni e frenare quella strisciante fuga di iscrizioni che porterebbe ad un radicale ridimensionamento dell’unica scuola del distretto che offre percorsi ad indirizzo scientifico, classico, linguistico e scienze umane, è questa la cosa giusta da fare immediatamente”.

 

E’ un appello quello degli ex docenti che si unisce a quello lanciato da tutte le altre componenti scolastiche, Dirigenza Scolastica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche