16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 15:43:58


TARANTO – Alla faccia dell’urgenza! Era giugno quando il presidente della Provincia, Gianni Florido annunciò una procedura d’urgenza per istruire il nuovo bando relativo all’assegnazione dei lavori del secondo lotto della Tangenziale Sud. Sono trascorsi sette mesi e sul progetto è calato il silenzio, tra l’indifferenza di una classe politica che guarda più alle imminenti elezioni che ai problemi del territorio. In ballo ci sono ben 18 milioni di euro. Soldi destinati a creare una bretella tra il capoluogo ionico e l’estremo versante orientale dell’area tarantina. La Tangenziale Sud, infatti, è la famigerata strada che partendo da Taranto dovrà raggiungere Avetrana, in una sorta di viabilità alternativa e parallela alla supercongestionata (in estate) Litoranea Salentina.

La Provincia lamenta tagli e difficoltà per riuscire a far quadrare i bilanci, ma questa volta, stranamente, il problema non sono i fondi. I 18 milioni di euro sono infatti già disponibili nelle casse dell’ente di via Anfiteatro. La difficoltà, invece, sembra essere l’assegnazione dei lavori. Era maggio del 2011 quando il consorzio Works di Massafra, classificatosi al secondo posto, ottenne l’annullamento dell’appalto da parte del Tar di Lecce. I ricorrenti contestavano l’assenza di una dichiarazione a firma dell’impresa Intini (risultata assegnataria dei lavori per il secondo lotto) richiesta, invece, dal bando a pena di esclusione. Negli uffici della Provincia, a quanto pare, quel documento sarebbe stato smarrito. C’è una denuncia del dirigente del Settore Appalti alla Procura della Repubblica. Ma la legge obbliga la conservazione integra dei plichi contenenti le offerte delle imprese partecipanti. Principio per il quale sia il Tar (a maggio 2011) che il Consiglio di Stato (a giugno 2012) hanno accolto l’istanza di annullamento della gara. In pratica la Provincia è obbligata a rifare il bando. Ma quanto tempo ancora ci vorrà? E soprattutto cosa è cambiato rispetto a giugno scorso, quando fu proprio Florido a parlare di procedura d’urgenza? Se per un’urgenza si devono attendere oltre sette mesi, figuriamoci per quello che concerne situazioni meno complicate. I lavori del primo lotto, intanto vanno avanti. Il 28 gennaio del 2011 fu inaugurato il primo tratto tra Taranto e Talsano. Ma senza il proseguo quell’arteria è destinata a rimanere monca.

Maria De Bartolomeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche